Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
08/01/2017 15:10:00

Da lunedì su Rep.it il blog che indaga sul nuovo volto delle mafie d’Italia

Sembra ieri ma è passato già un quarto di secolo. In questo 2017 sono venticinque gli anni dall’uccisione di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino. Le stragi che hanno fatto tremare l’Italia, le bombe che hanno seppellito segreti e speranze, gli attentati che hanno firmato e chiuso un’epoca di terrorismo mafioso che probabilmente non tornerà più.

Dopo Capaci e via D’Amelio sulle associazioni criminali tradizionali — mafia, camorra e ‘ndrangheta — si è abbattuta una repressione senza precedenti, indubbi i successi dello Stato, migliaia di arresti, il carcere duro per i boss, l’aggressione ai patrimoni. Ma sulla grande questione della criminalità e delle sue trasformazioni e dei suoi travestimenti, nel nostro Paese è calato un profondo silenzio.

Ecco perché, proprio nell’anno del venticinquesimo anniversario dell’estate siciliana del 1992, un blog di Attilio Bolzoni su Repubblica.it si propone come luogo di dibattito e di riflessione su quei temi che possono far capire meglio cosa sono diventate oggi le mafie.

Il blog, che si chiamerà Mafie, avrà il contributo quotidiano di autorevoli commentatori. Storici, giornalisti, giuristi, magistrati, esperti di criminalità e rappresentanti del mondo dell’associazionismo e della cultura. Un dialogo a più voci. Opinioni, approfondimenti, pubblicazioni di studi, dossier e ricerche.

"Si comincia il 9 gennaio - scrive Bolzoni su Repubblica - e giorno dopo giorno arriveremo discutendo al 23 maggio e al 19 luglio. Su quelle stragi la verità giudiziaria è stata raggiunta, con indagini estremamente accurate e complesse che hanno individuato le responsabilità della Cupola mafiosa. Ma quella verità giudiziaria non racconta tutto. E forse perché, come più volte è stato scritto su questo giornale, il cratere di Capaci è troppo grande per entrare in una piccola aula di giustizia".


Ti potrebbe interessare anche: