Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
20/04/2017 16:00:00

Processo Altamirano Guerrero, il chimico Di Gaudio:"Il Laroxyl non è un farmaco inalabile"

Nuova udienza davanti alla Corte d'Assise di Trapani del processo a carico di Aminta Altamirano Guerrero, la 35enne donna messicana di Alcamo accusata di aver ucciso il figlio, Lorenz Renda, morto a cinque anni dopo un'overdose di farmaci antidepressivi. Un'udienza molto tecnica incentrata sulla natura e la composizione del Laroxyl, l'antidepressivo preso dalla donna e che sarebbe stato la causa della morte del piccolo Lorenz. A porre la questione, in base alla quale il farmaco si rivelasse letale anche per inalazione è stato l'avvocato di parte civile Pietro Maria Vitello dopo la relazione dei due periti nominati Carra e Pullara.

A rispondere in aula è stata Francesca Di Gaudio, chimico e ricercatrice dell'Università di Palermo, secondo la quale nel Laroxyl l’amitriptilina è contenuta in soluzione al 4% e non si tratta di un composto volatile che, se annusato, può produrre gli effetti tossici e anche letali della sostanza allo stato puro che, invece, è una polvere finissima, facile, appunto, da inalare. 

Il piccolo Lorenz Renda, deve necessariamente aver assunto per bocca il farmaco antidepressivo prescritto alla madre. Il procedimento giudiziario si avvia alla conclusione e spetterà ai giudici decidere se sia stata la madre volontariamente a somministrare il farmaco al bambino causandone la morte, tesi sostenuta dall'accusa o se autonomamente il bambino lo abbia preso e bevuto, come sostengono gli avvocati della difesa Lauria e Gruppuso.  La prossima udienza, fissata per il 2 maggio, vedrà le conclusioni del pubblico ministero Antonio Sgarrella  e subito dopo  quelle del legale di parte civile.

 


Ti potrebbe interessare anche: