Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
19/05/2017 16:00:00

Mazara, via alla pulizia delle spiagge e all'accantonamento temporaneo della posidonia

E' stata firmata un'ordinanza sindacale che regolamenta la pulizia della spiaggia con particolare riferimento alla rimozione ed all’accantonamento temporaneo dei residui di posidonia e delle egagropili, comunemente conosciute come palle di mare. Il Comune si occuperà della pulizia dei tratti di spiaggia libera, mentre i titolari delle concessioni demaniali di stabilimenti balneari si occuperanno sia dei tratti di spiaggia di loro competenza nonché degli spazi limitrofi ai lidi, per una lunghezza pari al fronte demaniale marittimo in concessione da entrambi i lati e per tutta la profondità della fascia demaniale.

La posidonia e le palle di mare provenienti dalla pulizia dei litorali dovranno essere accantonate nell’area già autorizzata dalla Regione lo scorso anno, vale a dire nello spazio nei pressi della colmata B del lungomare Fata Morgana, lato direzione Mazara-Centro rispetto alla sopraelevata. Sono in fase di autorizzazione da parte della Regione due ulteriori siti di deposito del materiale vegetale di posidonia e palle di mare, che il Comune ha individuato in aree poco distanti dall’attuale sito di deposito: la prima è stata individuata lato mare tra la sopraelevata e la battigia; la seconda nei pressi della colmata B in direzione della via Giuseppe Impastato.

Il materiale antropico (carta, vetro, legno, plastica, ecc) proveniente dalla pulizia dei litorali dovrà essere differenziato e contenuto in appositi sacchi o contenitori che dovranno essere prelevati giornalmente dalla ditta che al momento si occupa della raccolta differenziata, la “Tech Servizi srl”, mentre il materiale indifferenziato sarà raccolto dalla società Ecoburgus.

L’ordinanza riguarda tutto il litorale sabbioso del lungomare Fata Morgana ed il litorale sabbioso dei lungomare Mazzini, Hopps e San Vito e prevede inoltre che a partire dal primo ottobre e fino al 31 ottobre 2017 tutto il materiale vegetale di posidonia ed egagropoli idoneo dovrà essere ridistribuito sul litorale per la forte azione di contrasto al fenomeno erosivo della costa che questo materiale riesce ad attivare. 

BOCCONE DEL POVERO - “Avevamo preso un impegno ben preciso con gli ospiti del Boccone del Povero, quello di pranzare insieme e oggi abbiamo tenuto fede a quella promessa. Un pranzo che il nostro comando ha voluto offrire ai bambini che frequentano il centro. Non siamo solo multe e controllo del territorio e iniziative come questa rafforzano il nostro motto che è ‘Fra la gente, insieme alla gente’.Vogliamo che la divisa che indossiamo diventi, soprattutto per i più giovani, motivo di rassicurazione e conforto”.

Lo ha detto il dirigente della Polizia Municipale, Salvatore Coppolino, durante il pranzo che il locale Comando dei Vigili Urbani, tenendo fede ad un impegno preso con i bambini lo scorso mese di Gennaio in occasione della consegna dei doni della Befana, ha offerto agli ospiti del Boccone del Povero. Iniziativa molto apprezzata dai bambini della Casa del Fanciullo del Boccone del Povero che hanno accolto e accompagnato a tavola il Comandante Coppolino e gli uomini e donne del Comando con le note di 'Aggiungi un Posto a Tavola'. 

EDILIZIA SCOLASTICA - L’Amministrazione Comunale di Mazara del Vallo ha ottenuto dal Ministero dell’Economia e Finanza, il via libera ad utilizzare un milione e 320 mila euro per l’edilizia scolastica, somme che non verranno calcolate ai fini del Patto di Stabilità. “Il ministero – ha spiegato il dirigente del II Settore,  Maria Stella Marino che insieme al dirigente dei Lavori Pubblici  Stefano Bonaiuto ha seguito l’istruttoria - ci ha riconosciuto i cosiddetti ‘spazi finanziari’, cioè la possibilità di spendere somme del Comune per investimenti che non ricadono nel calcolo del patto di stabilità annuale. In pratica il Comune di Mazara del Vallo – ha concluso la Marino – attraverso la stipula di un mutuo effettuerà lavori di edilizia scolastica senza che tale importo venga computato nel bilancio per il rispetto dei saldi annuali”. I progetti di edilizia scolastica saranno inseriti nel piano annuale delle opere pubbliche che nei prossimi giorni sarà approvato dalla Giunta Municipale.

Ti potrebbe interessare anche: