Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
19/05/2017 04:50:00

In tribunale lite tra le Asp di Trapani e Agrigento. Bavetta: "Sono somme non dovute"

Un decreto ingiuntivo, carte bollate e un conto salato da pagare. E' finita così tra le due aziende sanitarie della provincia di Trapani e di Agrigento. Sono diversi, infatti,  i pazienti trapanesi che hanno usufruito delle prestazioni sanitarie per le quali l'Azienda Sanitaria di Agrigento ha sostenuto delle spese utilizzando apparecchiature, sale operatorie e personale e da qui la richiesta di rimborso nei confronti dell'Asp di Trapani che, però, non ha effettuato nessun pagamento. Cosi si è arrivati alla richiesta e all'intervento dell'autorità giudiziaria per la riscossione delle somme che ammonterebbero a 1 milione e mezzo di euro.

Ma sulla restituzione della cifra, il commissario straordinario dell'Asp trapanese, Giovanni Bavetta, con il suo provvedimento di impugnazione del decreto ingiuntivo fa sapere che sono somme non dovute, perché nell'ambito regionale ogni paziente può spostarsi in una qualsiasi struttura del territorio siciliano. Bavetta ha dato mandato all'avvocato Davide Lo Presti del Foro di Agrigento per la difesa in giudizio.


 


Ti potrebbe interessare anche: