Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
17/07/2017 13:00:00

Marsala, discariche di eternit nelle contrade

La presenza di rifiuti abbandondati, se non di vere discariche abusive in giro per la città e un po' in tutte le contrade, è ormai un problema cronico per Marsala. Le segnalazioni alla nostra redazione da parte dei cittadini si sussegono quotidianamente, un po' per gli accumuli di spazzatura, un po' per i rifiuti ingobranti come frigoriferi, televisioni e lavatrici abbandonate. Stavolta, a lanciare un vero allarme, scrivendo al sindaco Alberto di Girolamo e il signor Antonino Gerardi che, preoccupato della massiccia presenza di eternit e delle conseguenze che questo materiale cangerogeno ha sul corpo umano, invita il sindaco a prendere dei provvedimenti urgenti e a non girarsi dall'altra parte.  Qui di seguito la lettera di Gerardi:

"Discariche Abusive situazione gravissima. Uno scenario per niente gradevole agli occhi di chi decide di fare una passeggiata in bicicletta nelle contrade marsalesi di Paolini, Baiata, Matarocco, Casazze, Torrelunga Puleo, Misilla, Gurgo, Ciavolo e Digerbato, dove la competenza è esclusivamente del Comune. Preoccupato della situazione in cui versano le contrade in questione scrivo. – ‚Äč Signor . Sindaco – ‚Äč se mi posso permettere ‚Äčh‚Äčanno trasformato queste contrade in delle discariche abusive e non oso immaginare come peggiorerà la situazione. Il degrado delle contrade in oggetto è inevitabile? Se si tollerano certi gesti e certi comportamenti, se non ci si indigna e si protesta questi atti si moltiplicano, s'ingigantiscono. Più di quanto si pensi, questi limitati gesti di decadenza quotidiana, partoriscono atti di violenza, di criminalità, di sopraffazione del più debole che poi risultano molto difficili, se non impossibili, da fermare.

Voglio analizzare il degrado e l'assenza di senso civico sotto due aspetti: un primo aspetto di tipo morale sociologico ed un altro di tipo economico. In entrambi i casi a mio parere serve durezza e tempestività nell'intervento da parte della comunità (noi) e delle autorità (leggi parlamento, vigili, carabinieri, polizia ecc.). Qualcosa deve cambiare e il cambiamento dipende dalle norme, dai controlli sull'applicazione delle norme, dal senso civico e dalla collaborazione di tutti. Se insieme riusciamo a far sentire chi degrada uno stupido, un ingrato, uno sfigato, la prossima volta ci penserà molto meglio prima di far defecare il cane in strada, di lasciare in spiaggia la lattina di birra, di permettere a suo figlio di gettare la busta delle patatine per terra....

Per non parlare dell’abbandono incondizionato di Eternit sulle strade, ricordando che la sua pericolosità è dovuta al fatto che i manufatti di questo materiale, nel caso il loro stato di conservazione non sia buono, tendono a liberare nell'aria microfibre di amianto che vengono inalate con la respirazione causando malattie. Esso ha tre differenti e gravi effetti. Provoca l’asbestosi, malattia nella quale i tessuti del polmone si riempiono di cicatrici fibrose sempre più estese, fino a che perdono di elasticità, impedendo di fatto la respirazione. Provoca il mesotelioma, un gravissimo tumore che colpisce la pleura, il peritoneo dell’intestino e il pericardio. Dulcis in fundo, aumenta di 5 volte il rischio di carcinoma polmonare nei fumatori. Per quanto tempo ancora dovremo subire l'impassibilità a tali problematiche? Spero che non dobbiamo aspettare che cambi l'Amministrazione comunale per vedere dei risultati concreti. Signor. Sindaco, mi sono rivolto a Lei per avere la certezza che sia personalmente a conoscenza della situazione, in modo da provvedervi al più presto. Credo che di pazienza ne abbiamo avuta tanta". 


Ti potrebbe interessare anche: