Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
17/07/2017 20:16:00

La lettera di Marcello Linares (Pd) a Grasso: "Le chiediamo a gran voce di candidarsi"

 Preg.mo Dott. Piero Grasso, Presidente del Senato della Repubblica,

oggi rimane poco della speranza che qualche anno addietro spronava i siciliani a credere in una possibile evoluzione dell’isola ispirata alla morale e all’etica mediante una politica naturalmente dedita allo sviluppo, alla crescita e all’affermazione dei valori della legalità sul territorio.

E’ preoccupante, al riguardo, quello che è accaduto nel corso di quelle che sarebbero dovute essere le ultime elezioni amministrative a Trapani, città che è ormai simbolo del disastro politico istituzionale di un intero territorio.

Eppure è proprio dalla Sicilia che ancora oggi dovrebbe levarsi una metamorfosi culturale tale da far ricredere chi nel Paese - tra cui molti giovani - guarda con diffidenza verso le istituzioni, mostrando ormai poco interesse verso i fondamentali principi democratici del nostro ordinamento.

Ed infatti è proprio dalle rovine della vicenda trapanese che bisogna ricominciare a costruire il futuro. Occorre un significativo rilancio. Occorre cioè proporre un modello e un’idea di politica nuovi, in completa rottura con il passato.

Bisogna, quindi, far comprendere, prima di tutto ai partiti, oltre che ai carrieristi della politica, che la stessa è un servizio, un atto di amore verso la gente a cui dobbiamo restituire la dignità di una vita nella nostra terra e rinvigorire l’orgoglio delle nostre istituzioni.

Tanti sono, infatti, i giovani in cerca di lavoro e di stabilità che vanno rassicurati e a cui va consegnata la possibilità di investire nel proprio futuro. Tanti sono gli anziani che meritano rispetto e decoro. Sono poi migliaia gli imprenditori in difficoltà che, se ascoltati, potrebbero far ripartire l’economia dell’isola. Ci sono poi tanti stranieri in cerca di un futuro di pace e in cerca di rifugio, che si vanno ad aggiungere ai siciliani indigenti ancora senza una casa.

Eppure i siciliani sono il popolo che ha fatto la storia, la Sicilia è la terra dell’autonomia, che ha dato i natali ad artisti di grande fama, un territorio nel quale perciò è paradossale che ancora oggi non siano contemplate forme semplificate di sostegno ai diversamente abili e non venga riscritto un nuovo welfare innovativo e garantista.

E poi, quando sembrava già che l’impegno di ciascuno per la legalità, per il “fresco profumo di libertà che si oppone al compromesso morale” fosse ormai principio di vita innato nelle nuove generazioni, cresciute in Sicilia facendo propri i valori di chi ha combattuto la mafia con il prezzo della propria vita, ecco che quello che viviamo torna ad essere il tempo in cui riaffiorano nelle cronache fatti di crimine sconcertanti e in sfregio ai simboli della lotta alla mafia.

Per queste ragioni, per la capacità di bene a cui è giusto credere e per cui è necessario lottare ed impegnarsi, richiediamo a gran voce la Sua disponibilità a candidarsi alla carica di Presidente della Regione Siciliana.

Solo in questo modo, potremo auspicare all’unità del mondo politico tutto, in piena sinergia con la società civile, per un vero nuovo rilancio della stagione siciliana. Con la certezza, che all’appello del sottoscritto si unisce idealmente, con accorata speranza, la parte più rappresentativa della società, dei tanti giovani che appartengono al mondo universitario e a quello professionale e dell’impresa.

Con reverenza.

Marcello Linares

(Partito Democratico)


Ti potrebbe interessare anche: