Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
12/10/2017 04:30:00

Scrive Gianfranco, sul viaggio d'istruzione del Sindaco Di Girolamo a Bruxelles

 Gentile Direttore,

ho letto che il Sindaco e assessori, presumo a nostre spese, si trovano a Bruxelles " in missione per sostenere e pubblicizzare il nostro vino... e accompagnare una rappresentanza dei nostri operatori dell’agroalimentare e vinicoli che nella giornata di domani esporranno e faranno degustare i loro prodotti nella sede del Parlamento Europeo". Come è emerso anche da una vostra inchiesta il Consorzio per il Vino Marsala non esiste più e finora l'Amministrazione non ha detto una parola, manca l'assessore all'agricoltura e alle attività produttive da oltre un anno, e infine c'è un'area artigianale che viene tenuta ferma per questioni burocratiche.

Ma con che faccia si fanno questi comunicati? Certe volte si ha la sensazione che chi ci amministra siano dei  marziani, la cosa peggiore, come ci ha insegnato lo scrittore Flaiano in un suo famoso racconto, noi cittadini ci abituiamo anche ai marziani.

Gianfranco

 

Gentile corrispondente,

il Sindaco è andato a Bruxelles, con la solita sobria delegazione, a nostre spese, in senso lato: perchè a pagare il viaggio è stata l'Unione Europea, che consente agli europarlamentari (in questo caso Michela Giuffrida) di invitare studenti, amministratori e imprenditori a Bruxelles per conoscere il funzionamento dell'Unione Europea. E' chiaro che uno si aspetta che il Sindaco parli del "fu" Consorzio del Vino Marsala, ad esempio. Ma il viaggio, in realtà, è una specie di gita d'istruzione. Appena arrivi devi partecipare ad una conferenza con le slide facili facili su come funzionano le istituzioni europee, dopo, solitamente, c'è qualche evento, tipo una bicchierata con il vino siciliano , che viene spacciata per "promozione delle tipicità siciliane in Europa". Tutto qui. Non c'è pericolo che faccia danno, insomma.  E una specie di gita d'istruzione, ripeto.  Al massimo, possono fare un pigiama party. 

Grazie dell'attenzione e continui a seguirci,

Giacomo Di Girolamo


Ti potrebbe interessare anche: