Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/11/2017 06:00:00

Giacomo Tranchida: "Avanti nel Pd per rompere gli schemi e risolvere problemi"

 Giacomo Tranchida, diecimila voti, eppure non andrà all'Ars. E' arrivato secondo. E' come quando ad una squadra fanno i complimenti per il bel gioco, ma poi i punti a casa li fanno gli altri. Prevale l'amarezza o la soddisfazione?

Cosa prevale? Vi sembrerà strano, prevale la voglia di continuare a correre. Perché credo che siamo per davvero in un momento in cui c'è grande voglia di cambiamento. Dispiace per i tantissimi che non sono andati a votare, ma tutti coloro che hanno creduto e credono in un altro Pd, insieme a me, hanno il dovere di continuare a lottare. Io continuo ad organizzare e a partecipare a riunioni per parlare dei problemi del territorio.

Andare avanti.

Si. E' anche per questo che si spiega questo grande consenso nei miei confronti, perché chi mi vota sa che io non mi fermo.

Paolo Ruggirello, il grande sconfitto di questa elezione all'interno del Pd, si definisce il "partito nel partito". Lei come si definisce?

In nessun modo. Ho fatto campagna elettorale tra la gente e per la gente, e voglio che il Pd ritorni ad essere il partito della gente. Non ho mai creduto alla politica fatta prendendo "gruppi dirigenti". Continuo l'impegno, ci metto la faccia, senza fare la guerra a nessuno. 

Come commenta la sconfitta di Fabrizio Micari?

Lo conosco personalmente. E' una persona qualificata. E' stato abbandonato dal gruppo dirigente del Pd e, nonostante tutto, ha ottenuto un risultato straordinario.

Come si fa a mettere ordine nel Pd?

Non le mando a dire. Io sono uno che rompe le scatole, il cittadino lo sa. Ma non sono una cicala, sono una formica. E penso che sia giunto il tempo della responsabiltà, non della rassegnazione. Sono qui, vado avanti con la mia testa, cercando di guardare alle cose che interessano nel territorio. Ad esempio, da presidente del consiglio comunale di Erice, inviterò nei prossimi giorni il presidente Musumeci, per parlare di aeroporto, di decentramento della spesa, e di altri temi concreti. 

L'hanno sorpresa di più i pochi voti di Ruggirello o i tantissimi di Gucciardi?
La fiducia di molti marsalesi nei miei confronti, persona che viene dall'agro - ericino... 

Nino Oddo non ce l'ha fatta. E' felice?
Non avevo neanche notizia della sua candidatura... 

Scherzi a parte.
I risultati elettorali interessano poco alle persone. Interessa invece che si risolvano i problemi...


Ti potrebbe interessare anche: