Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
14/11/2017 11:46:00

Marsala, proteste al Professionale. La dirigente: "Palestra pronta, ecco la situazione"

Gli studenti dell’Istituto Professionale Cosentino di Marsala protestano per l’impossibilità di utilizzare la palestra a causa della mancanza di energia elettrica. La struttura sportiva è stata completamente ristrutturata ma manca ancora l’allacciamento alla rete elettrica e il certificato di agibilità. Altro motivo per il quale ieri gli studenti hanno manifestato, è quello del mancato utilizzo del laboratorio odontotecnico che dall’inizio dell’anno non hanno potuto utilizzare per la mancanza del certificato di destinazione d’uso del locale.

Sulla vicenda abbiamo sentito la preside Antonella Coppola che ci ha spiegato come è realmente la situazione: “Capisco che lo sciopero sia un’espressione di democrazia ma fino ad un certo punto, perché i ragazzi sapevano già la situazione, visto che la settimana scorsa avevo dato tutte le spiegazioni possibili – le parole della dirigente -. A prescindere dalla protesta degli studenti, questa mattina c’erano sul posto i tecnici della provincia e gli elettricisti chiamati da noi. La palestra prima si utilizzava senza regolare autorizzazione – ci dice la Coppola -, quando sono arrivata è stata fatta la ristrutturazione ma ci siamo accorti che l’Enel non poteva fare l’allacciamento della luce alla struttura perché, purtroppo, è stata dimenticata la realizzazione di una traccia per collegare i fili dalla palestra al contatore principale. Così la normativa sulla sicurezza mi impone di non autorizzare l’utilizzo. Questa storia è andata avanti ad oltranza e con un impegno economico non indifferrente per la nostra scuola, ma eravamo riusciti, comunque, con la provincia, a trovare una soluzione e gli studenti , hanno deciso, pur sapendolo, di fare questa forma di protesta e hanno inserito tra i motivi dello sciopero anche il laboratorio odontotecnico, che è completo e funzionale ma dove non è possibile utilizzare il gas perché non è stata predisposta la Scia che deve essere firmata dai Vigili del Fuoco. Per la Palestra abbiamo risolto il problema e penso  che già dopodomani sarà funzionante. Gli studenti hanno visto gli operai lavorare, e infatti, dico loro di fare attenzione perché fare un’assenza di massa, a questo punto ingiustificata, peserà pesantemente sulla condotta. Per quanto riguarda il laboratorio - conclude la dirigente scolastica -  dalla provincia ci hanno rassicurati che entro il 31 dicembre dovranno approvare tutte le Scie e subito dopo Natale potrebbe essere utilizzato, più di questo noi non possiamo fare”.
 


Ti potrebbe interessare anche: