Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
14/11/2017 12:20:00

Il primo volo low-cost a lungo raggio tra Italia-Usa è della Norwegian Airways

Il 9 novembre è decollato da Roma il primo volo low cost verso gli Stati Uniti. Norwegian Airways, la compagnia emergente in Europa, nonché terzo vettore a basso costo dietro Rayanair e easyJet, prova ad espandere la sua rete di voli. E lo fa predisponendo una base a Fiumicino, che sarà impegnata sia sul fronte del medio raggio che sui voli intercontinentali. Una nuova concorrente a questo punto non solo per Alitalia, che a fatica prova a restare a galla fra i vari competitor puntando proprio al lungo raggio, ma anche e soprattutto per quelli oltreoceano. Rivali che, per anni sono riusciti, resistendo stoicamente agli aerei battenti bandiera norvegese.

I dettagli della nuova linea a lungo raggio - Non si esagera nel definire la nuova linea della Norwegian Airways come rivoluzionaria. La ragione risiede nell’essere la prima davvero low cost dal nostro Paese per gli Usa e la stessa ha preceduto, anche se di poco il lancio di quelle che vanno da Roma a Los Angeles (a partire dall’11 novembre) e fino a San Francisco-Oakland (prevista invece per il 6 febbraio 2018). Ma veniamo ai costi: al momento è possibile indicare solo una cifra media, inferiore sostanzialmente ai 380 €, andata e ritorno.

Non sarà necessario, per gli esperti viaggiatori sott’intendere che si tratti in questo caso di un costo per servizi ridotti al minimo. Nonché di una somma totale di 890 € se si sceglierà la classe Premium, con bagagli inclusi e cibo a bordo.

Occorre fare un plauso alla tenacia della Norwegian, visti i due anni occorsi alla realizzazione del progetto, fra battaglie legali negli Stati Uniti e definizione dei dettagli. Ma finalmente è esaudito il desiderio del magnate Bjørn Kjos ,suo fondatore e amministratore delegato. Di che sogno si tratta? Ma, ovviamente volare a prezzi accessibili a tutti e soprattutto verso mete d’ampio interesse, come gli Usa da zone quali Irlanda, Italia e altri Paesi continentali. Una battaglia davvero senza precedenti in questo caso, che ha visto negli schieramenti: da un lato i colossi dei cieli americani (pensiamo fra i tanti la Delta Airlines) , a difesa del proprio Business sull’atlantico e dall’altra la Norwegian Airways.

La Norwegian Airways in linea con le politiche di tutela del lavoro - Norwegian, contrariamente a Ryanair e assolutamente alla pari di easyJet, ha un vantaggio: ha siglato, recentemente anche un contratto di lavoro con i sindacati italiani di piloti e assistenti di volo.

Non meno importante, ha aderito a tutte le normative sul welfare e contribuzione in vigore nel nostro Paese. Ryanair , dal canto suo continua a prediligere il pagamento degli stipendi tramite buste paga dall’Irlanda e, nel caso in cui i dipendenti operino anche in Italia, con una seconda retribuzione italiana.

I numeri vincenti della lungimirante Norwegian - Ed ora veniamo ai numeri:la flotta ufficiale della Norwegian Airways conta su 26 basi europee oltre quella di Fiumicino e si compone, allo stato attuale 143 aerei, di cui 115 Boeing 737-8 e 20 Boeing 787 Dreamliner. Questi ultimi sono davvero importanti per l’Italia, se si considera che quasi un terzo delle parti dell’aereo nasca qui. Agli stessi saranno aggiunti, con gli anni a venire più di 200 nuovi aeromobili circa, che andranno a costituire il più grande ordine di acquisto nell’intera storia del mercato aereo europeo. Restando sempre a tema Dreamliner è utile sapere che nella base di ne sia già operativo uno che, a partire dal prossimo febbraio, verrà affiancato da un aeromobile gemello.

L’entrata di questo secondo Boeing, permetterà di coprire il calendario voli verso gli Usa con collegamenti 7 giorni su 7. Mete garantite verso New York–Newark, 3 verso Los Angeles e 2 per Oakland-San Francisco.

In particolare, questi saranno i voli possibili da Roma:

3 per gli Stati Uniti: New York (Newark), Los Angeles e San Francisco (Oakland)
2 verso la Norvegia (Oslo e Bergen)
2per la Svezia (Stoccolma e Göteborg)
1 verso la Danimarca (Copenaghen)
1 diretto in Finlandia (Helsinki). 


Ti potrebbe interessare anche: