Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
06/12/2017 14:01:00

Petrosino, rimane in carcere il pregiudicato Accursio Amato, preso con 8 chili di droga

 Convalidando l’arresto, il gip Annalisa Amato ha disposto la custodia cautelare in carcere per il 27enne pregiudicato petrosileno Accursio Amato, che lo scorso 30 novembre è stato arrestato dagli agenti del Commissariato di polizia di Mazara in quanto trovato in possesso di otto chili di marijuana e 150 grammi di hashish.

A chiedere e ottenere la conferma del carcere è stato il pubblico ministero Giulia D’Alessandro. Alla base della decisione del gip c’è sia la notevole quantità di stupefacenti trovata nell’abitazione di Amato (a Petrosino, nel “chiano Parrini”) che i suoi precedenti specifici. Già nel gennaio 2014, infatti, Amato (difeso dall’avvocato Luigi Pipitone) era stato arrestato dai carabinieri per detenzione di marijuana. Nel luglio 2016, poi, i carabinieri di Mazara, in collaborazione con i colleghi della stazione di Petrosino, lo arrestarono mentre, insieme ad Angelo Barraco, di 24 anni, era intento a innaffiare una piccola piantagione di canapa indiana (una ventina di arbusti accanto a piante di ulivo) in un terreno di contrada Biscione. Stavolta, oltre al notevole quantitativo di stupefacenti, Accursio Amato, sospettato di essere un fornitore degli spacciatori mazaresi, è stato trovato in possesso anche di due bilancini di precisione e altri strumenti per il confezionamento all’ingrosso della droga, tra cui un’apparecchiatura per il “sotto vuoto”. Nel corso della perquisizione domiciliare, i poliziotti hanno, inoltre, trovato quasi 3.700 euro, somma ritenuta provento dell’attività di spaccio. Rinvenuto, infine, anche un fucile ad aria compressa alterato in modo da aumentarne la “capacità offensiva”.


Ti potrebbe interessare anche: