Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
06/12/2017 15:22:00

Castelvetrano, cartucce e una croce di legno davanti casa di Li Causi, ex assessore

  Due cartucce e pezzi di legno sistemati a forma di croce sono stati trovati in mattinata in prossimità del portone d’ingresso dell’abitazione di via Rosmini, a Castelvetrano, di proprietà di Nicola Li Causi, 42 anni, amministratore del centro Polidiagnostico Multimedical ed ex assessore della Giunta Errante, oggi in Sicilia Futura. 

Nel 2016 Li Causi era stato nominato assessore dall’ex sindaco Felice Errante che gli aveva attribuito diverse deleghe tra le quali quelle alla Polizia municipale e alla Protezione civile. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato che hanno sequestrato le cartucce e i pezzi di legno montati a forma di croce e hanno effettuato i rilievi scientifici.

Inoltre, nel tentativo di identificare i malviventi che hanno attuato l’intimidazione, la polizia ha acquisito le registrazioni del sistema di videosorveglianza dell’abitazione di Li Causi.

Di Nicola Li Causi, figlio di Vito Li Causi, deputato di Castelvetrano da poco defunto, la redazione di Tp24.it si è occupata quando il suo nome è comparso in un rapporto di polizia con i nomi dei componenti delle logge massoniche di Castelvetrano (potete leggere l'articolo cliccando qui). 


Ti potrebbe interessare anche: