Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
07/12/2017 06:58:00

Trapani, Beppe Bologna e la lettera anonima: "C'è solo da sorridere"

 Una lettera anonima è arrivata alla redazione de "Il Locale News", il quotidiano di Trapani diretto da Nicola Baldarotta. E prende di mira Peppe Bologna, l'ex editore di Telescirocco che ha annunciato la sua candidatura  a Trapani. "Ah, il sapore romantico delle lettere anonime di una volta - commenta il diretto interessato -  Iniziamo così questa campagna elettorale, rispondendo a chi non ci mette la faccia. Approfittiamo del momento romantico per raccontare qualcosa, però.
Nel 1980 sono stato eletto Presidente dell’USL (a 29 anni) con i voti miei e l’aiuto di Guaiana padre. Non sono stato aiutato da Ciccio Canino ma nemmeno osteggiato.
Chi mi conosce avrà sorriso leggendo che "io stavo in piedi" al cospetto di Canino. Forse si trattava del contrario.
Nel 1998 mi candidai, da solo, a Presidente della Provincia di Trapani. Da solo perché dopo essere stato ufficiato nell’agosto ’97 dai rappresentanti di tutti i partiti di centrosinistra (Rifondazione compresa), nel gennaio ‘98 cambiarono, o furono costretti a cambiare idea proponendo la Messana. Raccolsi 10.858 voti, pentendomi di non aver accolto la proposta di Camillo Oddo.
Al caro anonimo e codardo, peraltro "amico mio", consiglio, per le sue successive attività, di non lasciar impronte".


Ti potrebbe interessare anche: