Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
Cultura

Alcamo, la Fidapa presenta il saggio “Tenerezza, Hanna Wolff e la rivoluzione (incompresa) di Gesù

Collegio dei Gesuiti 91011 Alcamo
20/05/2017 - 20/05/2017

Sabato 20 Maggio alle ore 18,30 presso l'Auditorium del Collegio dei Gesuiti per la Rassegna Letteraria "La Fidapa invita a leggere"sarà presentato il saggio "TENEREZZA, HANNA WOLFF E LA RIVOLUZIONE (INCOMPRESA) DI GESU’", edizione DIOGENE MULTIMEDIA –

Ne discutono con l’autore, lo psicoterapeuta MARIO MULE’ e il sociologo, PIERO RAPPA.
Tra i meriti del saggista e filosofo Augusto Cavadi, oltre alla capacità di coniugare in modo esemplare rigore di pensiero e chiarezza espositiva in campi che spaziano dalla politica alla filosofia, dalla teologia all’etica e all’impegno sociale, c’è anche quello di riuscire a condensare spunti imperdibili in libretti all’apparenza modesti.
In particolare, nelle novanta pagine che compongono il saggio, l’autore ci offre le riflessioni su Gesù di Nazareth a opera della poco nota teologa e psicoterapeuta Hanna Wolff, deceduta nel 2001. L’intento del testo è quello di richiamare l’attenzione sulle tesi della studiosa tedesca che, a parere di Cavadi, non merita affatto la damnatio memoriae cui sembra condannata: infatti le sue conclusioni teologiche, suggestive e innovative, hanno il merito di presentarci un Gesù storico più autentico e “liberatorio” di quello conosciuto, ad esempio, attraverso le confessioni cristiane.

Cavadi evidenzia come “la predicazione dell’attuale vescovo di Roma – centrata sulla misericordia divina più che sul rigore legalistico patriarcale – troverebbe nelle ricerche bibliche e antropologiche della Wolff un più che solido fondamento scientifico”.
Augusto Cavadi è tra i pionieri della filosofia-in-pratica contemporanea; è docente di filosofia, storia ed educazione civica presso il Liceo “G. Garibaldi” di Palermo; consulente filosofico riconosciuto dell'associazione nazionale “Phronesis”; socio dell'Associazione teologica italiana; presidente della Scuola di formazione etico-politica Giovanni Falcone di Palermo. Collabora stabilmente con La Repubblica-Palermo e con Centonove di Messina.

 

comments powered by Disqus