Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
04/12/2017 20:00:00

Esercito, il marsalese Vullo assume il Comando della Caserma “Garibaldi” di Palermo

Si è svolta venerdì 1° dicembre, all’interno dell’antico chiostro del quattrocentesco palazzo Sclafani, la cerimonia di cambio del direttore del Centro documentale di Palermo, ente dell’Esercito che custodisce, aggiorna, gestisce e rilascia la documentazione matricolare di tutti gli ex-militari della Sicilia occidentale e che fornisce informazioni per l’arruolamento nelle Forze armate.

Alla presenza del colonnello Claudio Dei, Vice Comandante del Comando Militare Esercito Sicilia, il colonnello Giorgio Capri ha ceduto il comando al collega Salvatore Vullo. Il colonnello Capri lascia il Centro dopo 10 mesi di comando per raggiunti limiti d’età, concludendo così un brillante percorso nell’arma trasporti e materiali dell’esercito durante il quale ha ricoperto incarichi di prestigio sia in Italia che all’estero.

Il colonnello Vullo approda alla guida del centro a coronamento di una dinamica carriera da ufficiale nei bersaglieri conclusasi a Trapani, dove fino a pochi giorni prima ha ricoperto il delicato incarico di capo ufficio personale del 6° reggimento. Marsalese, laureato in giurisprudenza, sposato e padre di due figlie, l’ufficiale ha preso parte a diverse missioni fuori area – nei balcani, in particolare – ed ha ricoperto in patria numerosi incarichi di rilievo.

“Nell’assumere il comando del Centro documentale di Palermo – ha affermato – assicuro sin d’ora tutto il mio impegno e ringrazio il mio predecessore per l’opera svolta e lo stile con cui ha operato alla guida di un ente che, depositario delle memorie storiche della Forza armata, rende alla cittadinanza un prezioso servizio pubblico”. 


Ti potrebbe interessare anche: