Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
17/11/2017 15:58:00

Mafia e opere d'arte, nuova perquisizione nel magazzino di Becchina

 C'è stata una nuova perquisizione in un magazzino di proprietà di Gianfranco Becchina, l'imprenditore e collezionista di Castelvetrano, che ha subito questa settimana tutto il sequestro dei beni perché lo si ritiene in contatto con la famiglia mafiosa dei Messina Denaro.

Il giorno del sequestro dei beni, tra cui un castello e l'azienda Olio Verde, c'era stato un incendio di documenti nell'ala di Palazzo Pignatelli abitata dal ricco mercante di opere d'arte.

Ieri sono continuati i rilievi di vigili del fuoco e investigatori, e poi si è proceduto ad una nuova perquisizione di alcuni locali alla ricerca di documenti e carte che attestino la relazione di Becchina con il boss Matteo Messina Denaro. 


Ti potrebbe interessare anche: