Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
05/11/2017 20:17:00

Da Mattarella la più alta onorificenza militare alla Bandiera dei Bersaglieri di Trapani

 Sabato 4 novembre 2017, in occasione della cerimonia per il 99° anniversario del “Giorno dell’Unità Nazionale” e della “Giornata delle Forze Armate”, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha conferito a Roma presso l’Altare della Patria, l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia alla Bandiera di Guerra del 6° Reggimento Bersaglieri di Trapani.

L’onorificenza è stata conferita al reggimento con la seguente motivazione: “Nel solco della più fulgida tradizione dei reparti bersaglieri dell’Esercito Italiano, il reggimento dava reiterate prove di ammirevole coraggio, considerata perizia e grande senso di responsabilità, partecipando a numerose operazioni di supporto alla pace e soccorso umanitario sotto l’egida Nato e Onu. In particolare, nel corso della missione in Iraq, primi a essere schierati a presidio della diga di Mosul, obiettivo di rilevanza strategica, ai margini del confine del territorio controllato dal sedicente stato islamico, i bersaglieri del 6°, all’insegna di un immutato spirito di sacrificio e di un’assoluta dedizione, fronteggiavano, in critiche condizioni tattiche e ambientali, le minacce alla sicurezza, con ardimento e sprezzo del pericolo, dando prova di audacia ed altissimo senso del dovere. Ammirevole esempio di unità che, erede di una specialità indissolubilmente legata ai momenti più importanti della storia della nazione, dava lustro alla Forza Armata e all’Italia nel contesto internazionale.” Kosovo, Libano, Afghanistan, Iraq, 2006 – 2017.

“Mi corre l’obbligo partecipare i sentimenti di immensa gratitudine alla città e ai comuni della provincia di Trapani nonché alla Regione Sicilia tutta, casa accogliente e solidale delle migliaia di familiari dei nostri bersaglieri, i quali non si sono sentiti mai soli nei lunghi periodi di impiego del reggimento così come, il nostro più sentito ringraziamento è rivolto a tutte le Istituzioni militari, civili e religiose, che con estrema generosità, non hanno mai fatto mancare la loro vicinanza ed i loro sentimenti di ammirazione per quanto i bersaglieri del “Sesto”, anche nelle critiche condizioni logistiche e tattiche, hanno saputo fare per la collettività internazionale”. Sono le parole del Colonnello Agostino Piccirillo, Comandante del 6° Reggimento Bersaglieri al rientro da Roma dopo l’importante evento.

Il 6° Bersaglieri, che da settembre 2016 a febbraio 2017 è stato la base della Task Force “Praesidium” (che comprendeva anche una compagnia del 4° Reggimento genio guastatori di Palermo) durante l’operazione “Prima Parthica” schierata a protezione della Diga di Mosul in Iraq, durante i lavori della ditta italiana Trevi, è un Reggimento della Brigata Meccanizzata “Aosta” che ha sede in Messina al cui comando vi è il Generale di Brigata Marco Buscemi.​


Ti potrebbe interessare anche: