Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
03/08/2017 14:08:00

Sicilia, contributi per l'avviamento di piccole imprese. Ecco come partecipare

Nell'ambito del Por Fesr 2014-2020, la Regione Sicilia ha pubblicato il bando per gli aiuti alle imprese in fase di avviamento nei settori manifatturieri e in quelli emergenti collegati alle sfide europee. Disponibili 20 mln per piccole imprese di nuova costituzione, incluse quelle non soggette all'obbligo di iscrizione al registro delle imprese.

Finanziati progetti compresi tra 30mila e 250mila euro realizzati prevalentemente negli ambiti tematici della strategia regionale dell'innovazione per la specializzazione intelligente. Contributo fino al 75% della spesa ritenuta ammissibile, in regime 'de minimis'. Domanda, secondo il modello reperibile su http://portaleagevolazioni.regione.sicilia.it, inviata, previa registrazione, dalle ore 9.00 del 20 settembre alle 14:00 del 10 ottobre 2017.

LAVORO. Cuochi, camerieri e altre professioni legate al mondo del turismo. Commessi e addetti alla vendita. Ma anche personale per i servizi di pulizia e operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici. Sono queste le figure professionali più ricercate dalle imprese siciliane per il periodo che va da luglio a settembre 2017. In Sicilia sono in tutto 46.500 le posizioni di lavoro aperte, ma non sempre la domanda di lavoro riesce ad essere soddisfatta: in 15 casi su 100, infatti, le aziende dell’Isola dichiarano di avere difficoltà a trovare i profili desiderati. È questo il quadro siciliano che emerge dall’analisi del sistema informativo Excelsior, realizzata da Unioncamere in accordo con l’Anpal, sulle previsioni di assunzione delle imprese private dell’industria e dei servizi con almeno un dipendente per il periodo tra luglio e settembre 2017. A 20 anni dalla sua nascita Excelsior è diventato un monitoraggio mensile ma con un orizzonte temporale anche trimestrale, per fornire informazioni tempestive di supporto alle politiche attive del lavoro.
Secondo il termometro Excelsior sul mercato del lavoro, anche in Sicilia le imprese hanno difficoltà a trovare alcuni profili. Le professioni più problematiche? Al primo posto ci sono gli “specialisti in scienze economiche e gestionali di impresa”, seguiti da “operai specializzati nell’industria del legno e della carta” e da “specialisti in scienze informatiche, fisiche e chimiche”. Più in generale, per il 71% delle entrate previste è richiesta un’esperienza specifica. Per quanto riguarda, invece, il livello di istruzione le entrate riguarderanno per l’11%, i lavoratori con laurea, il 37% i lavoratori con diploma, il 27% i lavoratori con qualifica professionale ed il 26% i lavoratori senza nessuna formazione specifica. Inoltre, il 35% delle entrate previste potranno essere destinate ai giovani con meno di 30 anni. Riguardo ai settori di attività, le imprese in cerca di nuovo personale operano principalmente nel campo di “Servizi di alloggio, ristorazione e turismo” (il 20% delle assunzioni programmate), “Commercio” (18%), “Servizi alle persone” (16%) e “Costruzioni” (13%).
Secondo le previsioni tra luglio e settembre, il 27% delle assunzioni previste in Sicilia saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre per il 73% saranno a termine (tempo determinato o altre tipologie di contratto con una durata predefinita).


Ti potrebbe interessare anche: