Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
24/04/2017 02:00:00

"Stelle ossee", i racconti gotici di Orazio Labbate ambientati in un Sud magico

 Nei diciassette racconti gotici di "Stelle Ossee" Orazio Labbate fonde l'America del Sud e la Sicilia per dare vita a un unico Sud letterario, onirico e misterioso, che si presta come scenario ideale per raccontare il nostro lato oscuro

Stelle Ossee (LiberAria) di Orazio Labbate, scrittore siciliano, classe 1985, già autore del romanzo Lo scuru, è una raccolta di diciassette racconti gotici ambientati tra l’America del Sud e la Sicilia, e ispirati da un lato al Southern Gothic americano, e dall’altro alla  Sicilia magica e tradizionale. Labbate, che non per nulla ha un blog che si chiama Sicilia texana, fonde riti, misteri, e orrori di questi due luoghi, dando vita a unico Sud, reinventato come luogo letterario, magico e inquietante, un mondo onirico, immaginifico e suggestivo, che si presta come scenario ideale per raccontare il lato oscuro che alberga in ognuno di noi.

Innamorati nell’Apocalisse, becchini sepolti vivi, incendiari di anime, cimiteri e atmosfere crepuscolari sono le figure e le suggestioni che animano Stelle Ossee, di Orazio Labbate. L’ambientazione, che spazia dall’America all’Italia, evoca una regione arcaica in cui le tradizioni più tipicamente legate al mistero e al sacro trovano un terreno comune con la letteratura e l’immaginario d’Oltreoceano, ideando un microcosmo archetipico, atopico e peculiare al tempo stesso.

Orazio Labbate, guarda a generi e voci letterarie apparentemente diversi, ne coglie le affinità e li fonde, creando un universo narrativo personale, ibrido e complesso, ispirato tanto al Southern Gothic americano che alla Sicilia più tradizionale. In questo modo prende vita un Sud che è più un luogo letterario, che geografico,  un Sud, che è allo stesso tempo siciliano e americano, e nel cui racconto le suggestioni delle grandi voci del gotico americano, come Flannery O’ ConnorCormac McCarthyWilliam FaulknerEdgar Allan Poe, si fondono a quelle di grandi scrittori italiani che hanno raccontato il Sud, come Gesualdo BufalinoStefano D’ArrigoLeonardo Sciascia e Vincenzo Consolo.


Ti potrebbe interessare anche: