Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
17/11/2017 07:18:00

Oggi è Venerdì 17. Paura della sfortuna? Ecco cos'è ...

 Oggi è un venerdì 17. Per chi crede nella scaramanzia, è il giorno più sfortunato per eccellenza.

C’è addirittura chi soffre di “Eptacaidecafobia“: è questo il termine, derivante dal greco, che indica la paura folle del numero 17.

Il venerdì 17 è una ricorrenza considerata particolarmente sfortunata, a causa della congiunzione di due elementi negativi: il Venerdì Santo (giorno della morte di Gesù) e il numero 17.

Nell’Antica Grecia i seguaci di Pitagora disprezzavano il numero 17 perché è un numero tra il 16 e il 18, numeri che per loro rispecchiavano la rappresentazione di quadrilateri 4×4 e 3×6.

Nell’Antico Testamento la data di inizio del diluvio universale si riconduce al 17 del secondo mese e, sempre secondo la Bibbia, il 17 è il giorno in cui è morto Gesù.
La Cabbala ebraica lo considera invece positivo perché è la somma di tre lettere dell’alfabeto ebraico che compongono la parola “bene”.
Nell’Antica Roma sulle tombe si scriveva “VIXI”, cioè “ho vissuto”, e nel Medioevo questa iscrizione veniva confusa con il numero 17 che invece in numeri romani si scrive XVII.
A Napoli il 17 è sinonimo di disgrazia, mentre nel resto del mondo i numeri negativi sono altri: nei paesi anglosassoni il giorno sfortunato è venerdì 13, mentre in Spagna, Grecia e Sud America è il martedì 13.


Ti potrebbe interessare anche: