10/06/2017 06:45:00

Scrivono quelli del Covo della Saracena, sulla rimozione delle alghe

 Formulo la presente nell’interesse del Sig. Pulizzi Mario Giuseppe, nato a Marsala il 20.6.1967, quale titolare del Lido “Il Covo della Saracena” (che pure la sottoscrive ad ogni effetto di legge), per significare quanto segue:

Con riferimento all’articolo pubblicato sul giornale online TP24, titolato "Marsala, al "Covo della Saracena" prendono alghe e le buttano nella colmata". Si può fare?si precisa che lo stesso ha suscitato un forte clamore e disappunto, poiché riporta fatti che non corrispondono alla realtà e risulta lesivo dell’immagine del Lido “Il Covo della Saracena”.
Si ritiene necessario e doveroso, allo scopo di garantire una corretta informazione, portare i seguenti chiarimenti in merito a tutto l’articolo in parola:

Il Sig. Mario Giuseppe Pulizzi, titolare della concessione demaniale dello stabilimento balneare denominato “Il Covo della Saracena”, non sta effettuando alcuna arbitraria pulizia della spiaggia.

Le escavatrici e il camion, ritratti nelle foto, sono di proprietà dell’impresa aggiudicataria per l’anno 2017 dell’appalto per l’espletamento del servizio di pulitura delle spiagge del territorio del Comune di Marsala.

Le operazioni di rimozione straordinaria della posidonia spiaggiata, iniziate qualche settimana fa, volte allo spostamento stagionale temporaneo delle alghe in zone non frequentate dai bagnanti, sono state regolarmente autorizzate dagli Enti competenti, in particolare il Comune di Marsala e l’Assessorato del Territorio e dell’Ambiente della Regione Siciliana (cfr. Autorizzazioni allegate).

Inoltre, giova precisare che il Sig. Pulizzi, concessionario dello stabilimento balneare “Il Covo della Saracena”, ha sempre operato con tutte le dovute autorizzazioni degli Enti competenti e nel pieno rispetto del dettato normativo vigente.

Si diffida, pertanto, la testata dal pubblicare notizie lesive dell’immagine del Lido menzionato con informazioni che hanno il solo esito di influenzare negativamente l’attività turistico-balneare dello stesso concessionario che, pur con tante difficoltà, continua quotidianamente a lavorare onestamente.

Marsala, 5.6.2017

Dott. Carlo Ferreri

Mario Giuseppe Pulizzi                

 

Noi ci siamo limitati a segnalare un'anomalia e a riportarla all'attenzione dell'opinione pubblica. Siamo quindi contenti che ci sia stato clamore, e sicuramente lei non ne viene danneggiato, dato che indica che è tutto a norma. Aggiugiamo anche che in un successivo articolo, come nel nostro stile, abbiamo dato conto dello sviluppo della vicenda, chiarendo che quelli erano mezzi comunali. Dobbiamo ricordare però, come ha anche detto in un'intervista Antonella Ingianni proprio su Tp24.it, che tutta la procedura a Marsala è anomala. La posidonia protegge la nostra costa -anche il pezzetto che lei ha in concessione - e se il Comune continua a procedere così di anno in anno a breve non ci sarà più alcuna spiaggia da dare in concessione, perchè il mare si sarà mangiato un bel pezzo di costa. Ecco, allora si, che potremmo discettare su chi "influenza negativamente l'attività turistico - balneare". 

La redazione



https://www.tp24.it/immagini_banner/1606413484-novembre-2020.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1605633415-novembre-2020.jpg
https://www.tp24.it/immagini_banner/1604331449-novembre-2020.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1604651182-jacket-days.gif