Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
12/02/2018 20:40:00

Marsala, la scuola Pipitone ha incontrato il Pm Trainito

 Il giorno 5 Febbraio si è tenuto presso la scuola media “V. Pipitone” di Marsala, un interessante incontro sui temi della legalità, tenuto dalla dott.ssa Antonella Trainito, sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Marsala.

Ha introdotto i lavori il Dirigente scolastico prof.ssa Francesca Pantaleo , che ha ribadito la centralità del tema trattato nella vita della scuola. All’incontro che ha avuto per titolo “Il nemico svelato” hanno partecipato gli alunni delle classi terze che avevano avviato con le insegnanti di lettere un percorso disciplinare sulla legalità. Nell suo intervento la dott.ssa Trainito ha ripercorso le origini storiche del fenomeno mafioso e la sua graduale evoluzione da manifestazione tipica di una società ancora rurale all’attuale organizzazione Criminale sempre più radicata nel territorio, non solo nazionale. Inoltre sono state ricordate alcune tra le figure più significative che hanno lottato per l’affermazione dei valori della legalità, fino al sacrificio della vita. L’evocazione dei nomi di Placido Rizzotto, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Cesare Terranova, Rocco Chinnici, Gaetano Costa, Boris Giuliano, Mario Francese, Piersanti Mattarella, Emanuele Basile, Ninni Cassarà, ha suscitato grande emozione tra gli studenti. La dott.ssa Trainito ha spiegato anche l’importanza della legge che porta il nome di Pio La Torre , con la quale è stato introdotto per la prima volta nel codice penale il reato di associazione per delinquere di tipo mafioso, approvata dal Parlamento proprio a seguito dell’omicidio del politico e sindacalista siciliano. Infine adeguato spazio è stato dato al ruolo dei collaboratori di giustizia e al contributo dato dagli stessi nella lotta a cosa nostra, spiegando ai ragazzi perché sia sbagliato chiamarli pentiti anziché collaboratori. L’intervento si è concluso con il ricordo del maxi processo di Palermo, illustrato nelle sue peculiarità tecniche nonché quale la prima significativa vittoria dello stato contro la Mafia. L’evento ha voluto testimoniare l'attenzione che la scuola media Pipitone riserva alla promozione della cultura della legalità fra i giovani studenti ,destinati a diventare i cittadini di domani e si inquadra in un percorso che terminerà con la visita all'aula bunker di Palermo, alla casa di Peppino Impastato e con l’incontro con Rita Borsellino.


Ti potrebbe interessare anche: