Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
10/05/2018 10:00:00

Marsala, cinque studenti del “Damiani” al Vinitaly per l'alternanza scuola/lavoro

Un'esperienza altamente formativa in un contesto di grande prestigio internazionale. Si può riassumere così il bilancio della partecipazione al Vinitaly 2018 degli studenti dell'Istituto Agrario ed Alberghiero “Abele Damiani” di Marsala.

La delegazione, guidata dal Dirigente Scolastico Domenico Pocorobba e dal Professore Alfonso Sanfilippo, era composta da cinque ragazzi che frequentano le classi terminali dell'alberghiero: Valery Corso, Andrea Gerardi, Dalila Lamia, Desiré Lomanto e Giovanna Parrinello. A differenza degli altri anni, quest'anno il “Damiani” ha partecipato al Vinitaly nell'ambito di un progetto di alternanza scuola/lavoro, realizzata in partnership con le Cantine Intorcia. Presso lo stand dell'azienda, per quattro giorni gli studenti hanno accolto turisti e visitatori, curando con entusiasmo e professionalità la degustazione dei vini in mescita e la descrizione delle loro caratteristiche tecniche, rispondendo sia in italiano che in lingua straniera alle richieste e alle curiosità dei fruitori.

La 52esima edizione del Vinitaly è andata in archivio con un'affluenza complessiva di 128 mila visitatori, caratterizzata dalla presenza di buyers molto qualificati, con un incremento di quelli provenienti dall'estero. Numeri che certificano il valore dell'esperienza di cui sono stati protagonisti gli studenti del “Damiani”, che oltre ad aver ricevuto convinti apprezzamenti per il loro lavoro, sono tornati a casa con un bagaglio interiore sicuramente più ricco, in vista del loro inserimento professionale.