Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
06/06/2018 12:08:00

Marsala, concerto di fine anno presso ’I.C. Luigi Sturzo - Asta

Una serata all'insegna della buona musica e dei sani valori che essa permette di condividere si è svolta presso l’I.C. Sturzo – Asta diretto dalla Prof.ssa Maria Alda Restivo .

Grande apprezzamento da parte dei presenti per il bellissimo lavoro svolto dai docenti e dagli alunni del corso a indirizzo musicale, grazie anche alle loro famiglie che hanno sostenuto il grande impegno, per festeggiare in musica la fine di un percorso scolastico ricco di manifestazioni e proposte che hanno contribuito alla crescita musicale e personale dei nostri ragazzi. L’orchestra, composta dagli alunni delle classi di flauto, chitarra, pianoforte e percussioni, è stata diretta dai rispettivi docenti prof.ssa Maria Luisa Pala, prof. Daniele Palmeri, prof.ssa Rachele Burriesci e prof. Nino Errera.

I docenti e i giovani musicisti hanno incantato il pubblico, dando risalto prima alle singole specialità strumentali con esecuzioni in piccoli ensemble e concludendo poi con l’intera orchestra, che ha eseguito un repertorio vario, dal suggestivo “Adiemus” di Karl Jenkins al classico Valzer di Dimitri Shostacovich, dal celebre e passionale “Libertango” di Astor Piazzolla alle briose e accattivanti melodie di George Gershwin.

Sul palco ‘danzava’ la musica, con la sua intensità e i suoi significati, ‘viaggiavano’ indescrivibili emozioni di chi si è avvicinato da poco al mondo della musica e di chi invece si accinge a salutare il triennio trascorso, raccontando con non poca commozione di avere imparato grazie alla musica il rispetto di sé e degli altri, il valore dell’ascolto e l’importanza della condivisione.