Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
06/11/2018 12:24:00

A Trapani mensa scolastica gratis anche per i bambini extracomunitari

 Il Comune di Trapani garantisce la mensa scolastica gratis a tutti i bambini delle scuole elementari della città, anche se risiedono nei comuni vicini, e, soprattutto, anche se sono figli di extracomunitari e non in grado di pagare la mensa. Lo comunica con una dichiarazione il Sindaco Giacomo Tranchida: 

"Trapani città porto, aperta alle contaminazioni interculturali. Trapani città porta dell’Europa dei popoli e non degli egoismi nazionalistici. Trapani comunità inclusiva e solidale. Con queste premesse manifesto plauso all’indirizzo dell’intero Consiglio Comunale guidato dal presidente Guaiana, che d’intesa con l 'Amministrazione Comunale, per il tramite dell’Ass. Abbruscato, non solo ha posto "giustizia" alla disparità di trattamento per la fruizione del servizio mensa scolastica (quest’anno avviato puntualmente ad inizio ottobre) anche in favore dei bambini dei Comuni viciniori frequentanti le nostre scuole, ma non residenti (al netto delle convenzioni intercomunali a reciproca compensazione delle fasce di reddito familiare), ma anche facendosi carico di non rifiutare un piatto caldo a mensa per i bambini extracomunitari frequentanti le nostre scuole e privi di necessario sostentamento economico. Per noi è doveroso garantire il diritto alla scuola per tutti i bambini, a prescindere dal credo e nazionalità, superando muri e frontiere politico-ideologiche e dunque creando ponti".

A Lodi, in Lombardia, si era creato un caso nazionale, perché alcuni bambini extracomunitari che non potevano permettersi il pagamento della mensa scolastica erano stati esclusi, pranzando con un tavolo a parte con cibo portato da casa.