Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
13/03/2019 08:00:00

Erice, l’Alberghiero sul podio al concorso enogastronomico “Extravergine, assaggi di...

Nuovo successo per gli alunni dell’Istituto Alberghiero di Erice diretto dalla preside Pina Mandina, che hanno partecipato a un concorso gastronomico prestigioso conquistando il podio. “Extravergine, assaggi di fine anno”, si chiama, infatti, il concorso organizzato da Gambero Rosso e Pandolea (Associazione di donne del mondo dell’olio) destinato agli Istituti Alberghieri, alla cui selezione regionale hanno vinto il primo posto proprio due allieve dell’IPSEOA ‘Florio’, che hanno presentato un “Filetto di sgombro in oliocottura con patate all’arancia rossa IGP”.

L’olio utilizzato dalle allieve è un nocellara del Belice prodotto dall’azienda Bonanno di Campobello di Mazara; come abbinamento enogastronomico al piatto è stato abbinato un metodo classico dell’azienda Funaro. Adesso le ragazze dovranno andare a Roma per la finale Nazionale e confrontarsi con gli istituti Alberghieri provenienti da tutta Italia.
L'idea del piatto nasce per creare una scatoletta di sgombro sott’olio in chiave gourmet. Le ragazze hanno conquistato un primo posto cucina e un secondo posto sala.

“Assaggi di fine anno” è una manifestazione che si tiene nei locali della Città del gusto di Roma e prevede un percorso conoscitivo in cui gli aspiranti chef e sommelier vengono direttamente a contatto con le produzioni olivicole di alta qualità, assaporando, conoscendo e maneggiando in prima persona l'olio extravergine italiano. Al termine del percorso, gli allievi coinvolti, sono chiamati a partecipare a una competizione realizzando dei piatti che vedono l'olio EVO come ingrediente principale. Una giuria di esperti composta da Chef e giornalisti di settore è chiamata a votare il migliore e indipendentemente dal gradino del podio raggiunto, a vincere sarà sempre la cultura e la scoperta di una delle eccellenze del Made in Italy.

“Sono orgogliosa delle mie studentesse, entrambe giunte alla fine del loro percorso di studi – dice la preside Pina Mandina - . Frequentano l'ultimo anno del corso di enogastronomia e sala e vendita; due professioniste già pronte ad affrontare il mondo del lavoro nel settore enogastronomico”.