Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
06/04/2019 08:27:00

Europee, doccia fredda per Corrao. Di Maio ha deciso: "Non sarà lui il capolista"

 A rischio la rielezione dell'alcamese Ignazio Corrao alle prossime Elezioni Europee di Maggio. Non solo i sondaggi danno i Cinque Stelle in picchiata, ma adesso Luigi Di Maio ha fatto a Corrao, europarlamentare uscente, uno sgambetto niente male. Non sarà lui infatti il capolista in Sicilia. E il capolista sarà scelto direttamente da Di Maio, sarà una personalità di spicco (i rumor dicono ancora una volta che potrebbe essere il magistrato Nino Di Matteo). Questo comporta, allora, che, se i Cinque Stelle prenderanno due parlamentari, uno sarà probabilmente il capolista scelto da Di Maio, e per l'altro sarà lotta all'ultimo voto tra Corrao, che in queste ore sta facendo il diavolo a quattro contro i vertici dei Cinque Stelle, e l'ex Iena Giarrusso. 

Luigi Di Maio ha annunciato che in tutte le cinque circoscrizioni i capolista non saranno i più votati ma esterni scelti da lui. Ignazio Corrao è stato  il più votato nella piattaforma Rousseau,con 2.839 clic. Dietro Corrao si è piazzato l’ex Iena Dino Giarrusso, con 2.491 voti. Poi l’attivista di Siracusa Flavia Di Pietro, seguita dalla catanese Matilde Montaudo, altra attivista della prima ora. Al quinto si è piazzato il sardo Donato Furcillo, al sesto posto Antonio Brunetto (entrato in lizza in extremis dopo l’espulsione di Clementina Iuppa per i suoi tweet violenti). Al settimo posto è arrivata la
candidata Antonella Corrado. All’ottavo posto utile si è piazzata la sarda Anna Sulis.

Un nome che circola come possibile capolista è quello dell’agronoma Federica Argentati. Ma Di Maio cerca di sedurre Nino Di Matteo.

Dilaniato da faide interne, dossieraggi, denunce, il Movimento, dopo la scelta di Di Maio, rischia di implodere. E' per questo che molti osservano che alla fine Di Maio potrebbe cedere ai colonnelli siciliani e lasciare Corrao capolista in Sicilia...