Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
10/06/2019 11:53:00

Bigenitorialità, comportamento del Sindaco di Trapani ineccepibile, anche perché...

“Con orgoglio e tanta gioia vogliamo comunicare a tutte le meravigliose persone che ci hanno sostenuto che il comune di Trapani ha ottemperato alla sentenza del Tribunale di Trapani, provvedendo alla trascrizione integrale nel registro di stato civile italiano del certificato originale americano che riconosce me e Francesco (il coniuge ndr ) entrambi come genitori dei nostri figli".

Questo il ringraziamento commosso e commovente della coppia, protagonista della querelle bigenitorialità a Trapani.

Siamo nel terzo millennio. ''L'amore'' omosessuale esiste da quando esiste l'essere umano. Oggi ci si nasconde molto meno e si è meno chiusi nel manifestare le proprie tendenze. E' una realtà, forse, prevalente al punto che definire ''normale'' la coppia uomo/donna è poco rispondente alla realtà.

La libertà di ognuno di noi trova una barriera nel non invadere quella degli altri. E non penso che casi del genere invadano la libertà altrui.

Detesto l'ipocrisia imperante che vede l'uomo ''masculo'' a parole ma nei fatti spesso omosessuale, impotente, scambista, asessuato e, magari, acquista (in leasing) l'auto di grossa cilindrata , un suv ''compensativo''.

Al riguardo, il comportamento del sindaco di Trapani, costretto da sentenza, lo ritengo lineare, coerente, ineccepibile. Infatti un sindaco conservatore, eletto coi voti del centro centro - destra (oltre che con quelli di segmenti elettorali ''discutibili'') non poteva e non potrà tradire il proprio elettorato: un elettorato decisamente moderato, tradizionalista e conformista, apparentemente tradizionalista. Se Tranchida avesse seguito il proprio istinto, avrebbe subito provveduto alla trascrizione della bigenitorialità senza bisogno di sentenza. Ma, ma deve, giustamente, rispettare il ''pensiero'' dei suoi alleati sostenitori. Ve lo immaginate un Turano, un Ruggirello,un Gucciardi, un Lumia, un Agnello,un Oddo, un Greco, un Palermo, uno Stabile, un Orlando, un Maltese, un Fazio,un La Porta, una Garuccio e altri condividere la BIGENITORIALITA'?"

Peppe Bologna