Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/06/2019 11:06:00

"Sui tagli alle corse da Trapani a Palermo la Segesta dice il falso"

 Gentile direttore,
ci dispiace constatare che le rassicurazioni operate dalla Segesta Autolinee e pubblicate sul vostro sito non corrispondono alla verità.

In questo articolo si può leggere:
“non ci saranno tagli alle corse degli autobus per Palermo”. Falso! Lo sanno bene tutti i pendolari che questa mattina sono stati costretti a utilizzare mezzi e modalità differenti per raggiungere il loro destino.

Ancora: "per la corsa delle 6:10 sarà solo anticipata di dieci minuti la partenza da Trapani”. Falso! La corsa delle 6:00 effettua un percorso dentro la città di Palermo differente da quello della corsa soppressa causando un ritardo finale di circa 30 minuti per tutti quei passeggeri che devono recarsi in zona Università, Piazza Indipendenza, Corso Calatafimi.

Ancora: “nessuno cambiamento è previsto per la corsa delle 13.55 in partenza da Palermo”. Falso! Tale corsa è stata soppressa come si può evincere anche dalla pagina web “orari e tariffe” della Segesta Autolinee.

La compagnia Segesta Autolinee ci ha abituato da anni a tanti piccoli disservizi come autobus sporchi e malfunzionanti (prova ne siano le numerose fermate nelle aree di sosta dell’autostrada con conseguente discesa dei valorosi autisti che, spesso con cacciavite in mano, cercano di rimediare come possono al guasto). Ma alle farse ancora no! Quanto scritto nel vostro articolo oltre che essere falso, suona anche come un ridicolo tentativo di evitare una cattiva pubblicità che, vista la persistente tendenza della dirigenza della Segesta Autolinee a predicare bene e razzolare male, si merita fino in fondo.

Ringraziamo la redazione di Tp24 per aver dato spazio alla notizia del disservizio e della replica della Segesta che, a differenza da quanto voi suggerite alla fine dell’articolo, non ci lascia affatto tranquilli.

Il comitato spontaneo dei pendolari