Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
14/06/2019 17:30:00

Marausa, all’Istituto Giuseppe Montalto si è concluso il Progetto "Instrumentum cordis"

All’Istituto Giuseppe Montalto di Marausa, guidato dalla Dirigente Maria Letizia Natalia Gentile, si è concluso, con una manifestazione pubblica, il Progetto Instrumentum cordis, con musiche e canti eseguiti dal vivo, dagli alunni e dalle alunne, nel giardino della scuola.

Il Progetto è stato ideato nell’ambito del Piano triennale delle Arti, realizzato per potenziare le competenze pratiche e storico critiche relative alla musica, alle arti, al patrimonio culturale, al cinema, alle tecniche di produzione e di diffusione di immagini e suoni. Direttore artistico del Piano è stato il Maestro e Professore Nunzio Ortolano, compositore di fama internazionale.

Rivolto agli alunni e alle alunne membri del Coro d’Istituto “Giuseppe Montalto” e dei laboratori di strumento musicale, ovvero sassofono, pianoforte e chitarra, il progetto è stato articolato in tre moduli. Il primo dedicato alla riscoperta dei canti della tradizione siciliana, in special modo della cultura locale. Gli studenti, hanno scoperto e reinterpretato i canti dei salinari, rinati a nuova vita, grazie agli arrangiamenti originali effettuati dal Prof. Francesco Pavia, sotto la direzione artistica del Maestro Ortolano.

Il secondo modulo è stato dedicato alla conoscenza musicale e all’esecuzione di alcune colonne sonore di film, girati in Sicilia, tra queste Cocciu d’amuri, di Lello Analfino, colonna sonora del film “Andiamo a quel paese” di Ficarra e Picone. Il terzo modulo è stato invece dedicato alla raccolta fotografica della bellezza dei paesaggi storico-artistici e naturalistici siciliani, con un focus particolare al territorio trapanese ove insiste l’Istituzione scolastica. Queste le parole della Dirigente Maria Letizia Natalia Gentile:-Il progetto Instrumentum cordis, nasce dalla profonda convinzione che la Musica, con il suo linguaggio universale, è la voce dell’anima, lo strumento attraverso cui ogni alunno e ogni alunna, con un diverso codice comunicativo, possono addentrarsi in una più ricca e consapevole comprensione della realtà e in una più equilibrata maturazione della cognitività e affettività.

Il senso profondo del progetto scaturisce infatti dall’alto valore educativo di cui è portatrice l’espressione artistica musicale e l’affascinante mistero dell’atto creativo che l’accompagna.- Il progetto curato dalle docenti Nunzia Stefania Pipitone e Claudia Piro, ha visto coinvolti i docenti: Francesco Barbaria, per il sassofono, Alessio Greco per la chitarra, Renato Terzo per il pianoforte, Angela Candela e Silvana Alagna per il coro d’istituto.

Gli altri esperti coinvolti sono stati: il Prof. Rosario Rosa, quale orchestratore, il Prof. Francesco Pavia arrangiatore e l’esperta in fotografia Clara Daidone. La direzione artistica del Maestro Nunzio Ortolano ha fatto si che il progetto educativo divenisse, per docenti e studenti, un’esperienza formativa d’altissimo livello.