Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/08/2019 08:00:00

Scrive Giuseppe per invitare il sindaco Tranchida a perseguire il turismo genealogico

 Egregio Signor Sindaco, ho letto recentemente l’interessante suggerimento del dott. Rosario Salone a proposito del turismo genealogico e lo voglio sostenere e condividere, e l’allego (Rosario Salone a TP24).
Tuttavia temo sia necessario un completo cambiamento di paradigma per realizzare quanto proposto, cambiamento che richiede decisione e coraggio.
La realtà che affronta chi intraprende la ricostruzione genealogica della propria famiglia è purtroppo difficile, spesso molto difficile..
Reso esperto da una precedente visita al Comune di Trapani quattro anni fa questa volta ho cercato di ottenere un accreditamento (richiesta ad urp e dottssa Catania) senza ottenere risposta, ed alla mia successiva visita diretta ho trovato un eloquente cartello (altolà) ed una litania sulla carenza di personale e sulle ferie.
Le ferie non sono una sciagura, accadono ogni anno ed in ogni azienda vengono programmate e gestite.
Per il personale, dall’elenco disponibile in rete conto 369 dipendenti per una cittadina di 67.599 abitanti. Se sono pochi o tanti lungi da me il giudicare.

Spero vivamente che Lei, Signor Sindaco, abbia la determinazione e la lungimiranza necessarie a dare concreto seguito all’intelligente suggerimento del dott. Salone.

Giuseppe La Grassa