Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
13/09/2019 16:35:00

Marsala, in consiglio si discute ancora sul compostaggio. E Rodriquez "occupa" l'aula

 Anche la seduta di mercoledì del Consiglio comunale di Marsala è stata ampiamente caratterizzata dalla discussione sull’atto deliberativo riguardante gli schemi di Regolamento per il Compostaggio domestico, di Prossimità e di Comunità.

Atti che, una volta approvati, consentiranno al Comune di partecipare all'apposito bando di finanziamento regionale. In pratica, in Aula è continuato il dibattito avviato nella seduta dello scorso 4 Settembre, questa volta con la presenza del dirigente Giuseppe Frangiamore. Questi, oltre ad illustrare i Regolamenti, ha dato risposte alle molte richieste di chiarimenti dei consiglieri. Stessa cosa, per altri aspetti, ha pure fatto il vicesindaco Agostino Licari il quale, inoltre, ha comunicato all'Aula che il termine ultimo per la presentazione dei progetti è stato prorogato al prossimo 7 Ottobre (prima 20 Settembre). Ma il punto su cui si è particolarmente incentrato il dibattito in Aula è stato quello sulla scelta dei siti comunali in cui dovranno essere collocati gli impianti di compostaggio. Nel progetto dell'Amministrazione Di Girolamo, i tecnici - tenuto conto dei requisiti richiesti dalle norme comunitarie - hanno individuato cinque siti in altrettante contrade: San Leonardo (parcheggio), Paolini (in prossimità del campo di calcio), Strasatti (vicino futura piazza), Ciavolo e Ventrischi (in terreni comunali). Come ha illustrato il dirigente Frangiamore, gli impianti elettromeccanici per il Compostaggio di Comunità mirano a dare agli utenti la possibilità di conferire l'organico vicino al domicilio. Il compost, prodotto dalla trasformazione del rifiuto conferito, sarà poi utilizzato dagli stessi utenti. Il tutto, consentirà di fruire di uno sconto sulla tassa rifiuti.

Ciascun impianto necessita di alcuni requisiti, tra cui un'area a servizio di circa 110 mq, allacci elettrico-idrico-fognario, un'utenza di 600 famiglie nel raggio di un chilometro. Con procedura di gara ad evidenza pubblica si provvederà ad individuare il soggetto collettivo che gestirà l'impianto. Sulla scelta di alcuni siti (San Leonardo e Strasatti, in partioclare), nonché sulle modalità di utilizzo e sul fatto che non tutti i cittadini hanno tale possibilità di risparmio, sono state manifestate perplessità da parte di alcuni consiglieri (G. Sinacori, F. Coppola, C. Ferreri, L. Arcara, L. Ingrassia, A. Galfano, A. Rodriquez), nonché dello stesso presidente E. Sturiano. Il vicesindaco Licari ha chiarito che bando di finanziamento riguarda il Compostaggio di Comunità, ma che i Regolamenti predisposti anche per gli altri due tipi di compostaggio hanno proprio lo scopo di consentire l'accesso a tutti i cittadini e alle utenze non domestiche, inclusa la possibilità – risorse finanziare permettendo – di collocare gli impianti di Prossimità all'interno delle isole ecologiche. Inoltre, il vicesindaco ha manifestato la disponibilità dell'Amministrazione di individuare altri siti alternativi a quelli proposti, purchè si faccia in fretta per consentire la partecipazione al bando e non correre il rischio di perdere il finanziamento comunitario, circa 1 milione e 200 mila euro per i cinque impianti di compostaggio di Comunità.

Subito dopo l'intervento di L. Licari (ha considerato esaustivi i chiarimenti dell'Amministrazione e del dirigente, pur condividendo di valutare altri siti), il presidente Sturiano - alla luce della nuova scadenza del 7 Ottobre - ha chiuso il dibattito prendendo atto che c'è l'impegno, dell'Amministrazione e dei tecnici, ad individuare altri siti alternativi su cui poi, nella prossima seduta utile (eventualmente con una mozione ad hoc), il Consiglio comunale farà le sue valutazioni.


Ad inizio di seduta, la discussione era stata aperta dal presidente E. Sturiano che aveva sottolineato le carenze del trasposto urbano e scolastico alla vigilia dell'avvio nuovo anno scolastico. In particolare, il presidente aveva evidenziato che solo sette scuolabus sono efficienti e gli altri sottoposti a revisione e, quindi, non utilizzabili. Inoltre, aveva evidenziato il disservizio sul trasporto diabili, con bambini e adulti penalizzati nel periodo estivo. Sui punti sollevati da Sturiano – condivisi anche dai consiglieri A. Galfano, L. Arcara e L. Ingrassia, che hanno oltretutto lamentato la “latitanza” dell'Amministrazione su problematiche così importanti e urgenti – ha fornito chiarimenti il dirigente Frangiamore. Questi ha assicurato che il servizio trasporto bus è operativo e che la carenza, più che per i mezzi, riguarda gli autisti “che comunque ringrazio per l'impegno e la collaborazione”. Ha inoltre riferito che i sette scuolabus saranno per il momento sufficienti (in ciò confortato da Marsala Schola); mentre per trasporto disabili ha reso noto che sia i problemi di natura meccanica che le difficoltà a reperire i pezzi di ricambio hanno creato disagi all'utenza. A ciò, ha affermato l'ing. Frangiamore, va aggiunto l'ulteriore problema di trasporto in Agosto a causa di due mezzi incidentati, ora però riparati e revisionati. Il presidente Sturiano, nella sua replica, ha ulteriormente rimarcato la situazione del trasporto disabili, evidenziando che “alcune famiglie con disabili sono intenzionate a presentare esposti e che anche i sindacati hanno incontrato, in merito, l'assessore Angileri. Sul punto è anche intervenuto A. Galfano, aggiungendo che – visto il comportamento del sindaco - “non parteciperò a nessuna votazione in Consiglio, in assenza dell'Amministrazione”.

Al termine della seduta, il consigliere A. Rodriquez è rimasto qualche altra ora in Aula, fermo nelle intenzioni di occuparla ad oltranza se non avesse ricevuto dal sindaco – cosa che è poi avvenuta - rassicurazioni circa l'avvio e l'efficienza del servizio trasporti scuolabus e disabili, nonché per la pulizia delle sterpaglie che invadono l'ingresso della scuola di Cutusio-San Leonardo, esigendo altresì la presenza in Aula del sindaco stesso in una data da concordare.