Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
10/10/2019 06:00:00

Marsala, Daniele Nuccio: "Ho il dovere di costruire una lista e un contenitore"

Daniele Nuccio, consigliere comunale a Marsala. Fa un appello sul randagismo?

Il tema non è stato affrontato bene dall’amministrazione, andrebbe affrontato con una strategia a lungo termine. Il randagismo non può essere valutato sulla sicurezza del cittadino ma anche per la tutela dell’animale, avviare una campagna di adozioni e di sterilizzazioni era necessario. Ci sono le strategie, compresa la campagna di microchippatura.

Si potrà fare qualcosa in più con una nuova amministrazione?

Io speravo di fare qualcosa anche con questa, la prossima amministrazione dovrà per forza fare qualcosa anche per questo tema.

Mancano otto mesi al voto, lei ha una linea?

Mesi fa facevo un ragionamento di natura politica, nel nostro Paese stava accadendo qualcosa di grave. E lanciai una provocazione mesi fa, se è successo a Roma qualcosa di sperimentale come l’accordo Pd Cinque Stelle perché non anche a livello locale? Premesso che non ho la tessera di alcun partito. Quando parliamo di larghe intese perché non pensiamo ad una alleanza larga e civica che vada da un fronte all’altro?

Se il commissario regionale dem Losacco dovesse ripresentare l’uscente sindaco del Pd Alberto Di Girolamo?

Trovo improbabile questa cosa, bisogna trovare qualcosa di diverso. Se facciamo un giro in città l’opinione non è a favore. Tuttavia il sindaco ha il diritto a riprovare ma ci sono le primarie di coalizione.

Perché non lei come candidato sindaco?

Non è all’ordine del giorno.

Si ricandida al consiglio comunale?

Sì, credo di si. Rispetto al 2015 non potrò solo trovare posto in una lista ma ho il dovere di costruire una lista e un contenitore. Noi siamo agonisti della politica, le nostre battaglie sono note a tutti.

Lei parla al plurale, iniziamo a dare un volto a questi suoi interlocutori?

Quel gruppo che da sempre è con me, lavoriamo insieme. C’è Ivan Cappello, c’è Roberta Pulizzi, Fabio Genna. Mi pregio di poter dialogare con tanti anche se non posso proprio andare con tutti.

Qualcuno ha lanciato una indiscrezione sostenendo che lei appoggerà la candidatura a sindaco della città di Gaspare Giacalone, attuale sindaco di Petrosino. Conferma?

No, ho stima di Giacalone ma smentisco la notizia.

Che ci dice di questa seduta del consiglio comunale “segreta”? C’è stato uno scontro con Giovanni Sinacori?

Avrei preferito che non si verificasse la fuga di notizie. Una cosa è che sotto la mia presidenza nella commissione di inchiesta dei servizi sociali si è troppo spesso verificata l’assenza del numero legale tanto da non poter effettuare la seduta. Mi sono astenuto dal votare la relazione finale perché mancavano alcuni aspetti che invece andavano inseriti.

Perché ci sono state queste omissioni?

Bisognerebbe chiederlo ai colleghi. La mia argomentazione della giornata in quel consiglio era tutta documentata.