17/02/2020 12:20:00

Scrive Vittorio Alfieri, sui nuovi consiglieri comunali di Marsala che dovrebbero studiare

 Caro direttore, ho già espresso apprezzamento per la piattaforma creata dal suo giornale per le prossime elezioni amministrative di Marsala.

Personalmente mi dispiace del ruolo a cui hanno abdicato i partiti, organi che dovrebbero accogliere le istanze della gente del territorio dell'associazionismo,sempre non solo in campagna elettorale. Poi la legge elettorale ha creato la foglia di fico delle liste civiche, dove si riciclano cariatidi della politica, lista che nella migliore delle ipotesi avranno rappresentanti nel futuro consesso civico, la consiliatura uscente su 30 ne conta 15 appartenenti a partiti tradizionali 5 riconducibili ad essi, 10 espressione della cosiddetta società civile, le altre avranno vissuto una stagione di visibilità.

L'idea che vorrei partecipare ai componenti delle liste elettorali è di acquisire le competenze per il ruolo che andranno a svolgere e le prerogative di esso. A tal proposito è fondamentale conoscere l'articolo 42 del TUEL (Testo unico enti locali) che parla delle attribuzioni pertinenti al consiglio comunale, e in relazione ad esse come realizzare le proprie intenzioni. . Tra l'altro è la definizione della politica più studiata dai politologi ossia, la politica è trovare gli strumenti per realizzare le proprie idee. Gli strumenti aumenterebbero se si conoscesse integralmente il TUEL, lo statuto comunale e il regolamento del consiglio comunale Se a questa acquisizione del compito che li attende sarà accompagnata nel quinquennio consiliare, l'ascolto delle istanze territoriali unita ad una presenza costante sul territorio, tutto anche quello non appartanente al personale bacino elettorale, sarebbe l'ideale. Infine due elementi altrettanto essenziali, la comunicazione e l'educazione ai cittadini sui diritti e doveri del proprio quotidiano. Buon elezioni Marsala 2020.


Grazie dell'ospitalità
Vittorio Alfieri