04/08/2020 06:00:00

Coronavirus, giù contagi in Sicilia e nel Paese. 1,4 milioni di italiani hanno gli anticorpi

Diminuiscono nettamente i nuovi positivi al Covid-19 in Sicilia e bel Paese. Nell'isola sono tre, due a Catania e uno a Siracusa.  In tutta Italia 

In Sicilia Rimane a 39 il numero dei ricoverati in ospedale, con 3 quelli in terapia intensiva. In 249 sono in isolamento domiciliare: 288 gli attuali positivi al coronavirus. Sono 3.308 le persone che fino ad oggi hanno avuto la malattia; fermo, fortunatamente ormai da due settimane, rimane il numero dei decessi: 283. I tamponi effettuati da ieri ad oggi sono stati 824 (281 mila in totale).

La situazione nel trapanese - In provincia di Trapani sono sempre 5 gli asintomatici, due a Marsala, uno a Mazara, uno ad Alcamo e uno a Partanna. In totale sono stato effettuati 19.99 e tamponi, mentre i test sierologici su personale sanitario sono 9.541. 

Test veloce anche in provincia - Anche in provincia di Trapani arriva il test che permette in soli sette minuti di sapere se si ha o meno il coronavirus. Si tratta di un nuovo metodo, sempre tramite tampone, che è stato presentato qualche giorno fa dal Veneto. Il nuovo tampone che offre risultati in sette minuti potrà essere usato con frequenza e flessibilità per identificare in brevissimo tempo nuovi casi. Un possibile utilizzo riguarda il contenimento immediato di eventuali focolai. Non dà una diagnosi definitiva ma segnala positività che va poi confermata. La rapidità dei tempi permette di isolare subito il presunto contagiato. Ne avevamo parlato anche su Tp24. Così l'Asp di Trapani: "Un nuovo Test rapido per la ricerca dell’antigene Sars-Cov2 è disponibile in tutti i Laboratori d’analisi dei presidi ospedalieri aziendali del territorio trapanese. Si tratta di un Test molto specifico che verifica la presenza del virus attraverso l’individuazione dell’antigene del virus Sars-Cov2 in 7minuti al massimo. L’antigene è quella proteina presente nel virus che permette al sistema immunitario di sviluppare gli anticorpi verso quel particolare patogeno. L’antigene, quindi, garantisce la presenza del virus con carica virale abbastanza elevata. Il Test, che si effettua tramite l’uso di tampone rinofaringeo con modalità identiche a quelle indicate nella metodologia classica, consente di sapere in tempo reale se il paziente è positivo al virus, diversamente dal test sierologico che permette solamente di sapere se vi è stata infezione da virusLa positività al test rapido richiede comunque la conferma del tampone classico dato che dal punto di vista diagnostico al momento è riconosciuta solamente la metodologia classica PCR Real Time: sia in Veneto che in Lombardia è in uso il test rapido per uno screening immediato sulla popolazione e i dati sono sottoposti all’osservazione del Ministero della Salute e dell’Istituto Spallanzani di Roma per il definitivo inserimento del test diagnostico nel Piano di Sanità Pubblica".

Sono 159 i contagi da Covid nelle ultime 24 ore in Italia, in ulteriore calo rispetto al giorno precedente (il giorno prima erano stati 239). Secondo i dati del ministero della Salute aumentano però le vittime, che sono 12 (ieri erano state 8). I tamponi effettuati sono stati appena 24.036, quasi 20 mila meno di ieri, con il consueto netto calo della domenica. Cinque regioni non fanno registrare nuovi casi: Marche, Friuli Venezia Giulia, Calabria, Valle d'Aosta e Basilicata. I contagiati totali sono ora 248.229, le vittime 35.166. Sono 200.589 (+129 rispetto a ieri) i guariti. Sono invece 41 (-1) i pazienti in terapia intensiva. Aumentano i ricoverati con sintomi, che sono ora 734 (+26). Le persone in isolamento domiciliare sono 11.699 (-7), gli attualmente positivi 12.474 (+18).

Sono un milione 482 mila le persone, il 2,5% della popolazione residente in famiglia, risultate con IgG positivo, che hanno cioè sviluppato gli anticorpi per il SarsCov2. Quelle che sono entrate in contatto con il virus sono dunque 6 volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia attrraverso l'identificaziobe del Rna virale. Sono i primi risultati dell'indagine di sieroprevalenza sul sarsCov2 illustrati da ministero della Salute e Istat.

I risultati della campagna dei test sierologici sono "provvisori" e sono relativi a 64.660 persone che hanno effettuato il prelievo e il cui esito è pervenuto entro il 27 luglio. La conduzione della campagna in condizioni emergenziali non ha permesso di raggiungere completamente la numerosità originariamente programmata del campione, e pari a 150mila soggetti. Tuttavia le tecniche adottate hanno permesso la produzione di stime coerenti. sia con i dati di contagio e mortalità sia con risultati di indagini condotte a livello locale in alcune realtà del paese.

Ministro Roberto Speranza: "Siamo fuori dalla tempesta e il momento più difficle è alle nostre spalle ma è vero che non siamo in un porto sicuro e c'è bisogno ancora di prudenza e di cautela. Siamo in un momento tra i più difficili sul piano internazionale e questo significa che dobbiamo continuare il percorso di riaperture ma con gradualità è prudenza: il governo continuerà a muoversi con determinazione sulla linea della cautela e prudenza che ha saputo piegare la curva". 

In cinquanta migranti scappati da una sruttura di accoglienza di Porto Empedocle - Sono una cinquantina i migranti tunisini che sono riusciti, dopo aver scavalcato la recinzione, a scappare dalla tensostruttura di Porto Empedocle (Ag). Quattro o cinque sono tornati, dopo qualche ora, spontaneamente,. Polizia, carabinieri e guardia di finanza stanno cercando i fuggitivi. Già una decina di giorni fa dalla stessa tensostruttura della Protezione civile erano scappati un centinaio di immigrati.

Sono 200 i migranti giunti, con otto barchini diversi, fra la notte e l'alba, a Lampedusa. La metà delle imbarcazioni è riuscita ad arrivare direttamente sulla terraferma e i migranti sono sbarcati in maniera autonoma. Gli altri natanti sono stati invece avvistati e agganciati al largo dalle motovedette. I 200 migranti sono stati trasferiti all'hotspot di contrada Imbriacola dove sono tornati ad esserci 910 persone a fronte dei 95 posti disponibili.

La nave per la quarantena dei migranti è arrivata a Porto Empedocle - La nave Gnv Azzurra, sulla quale verrà effettuata la quarantena dei migranti che sbarcano nell'Agrigentino, è arrivata a Porto Empedocle. Esattamente come era già accaduto per la Moby Zazà (la nave quarantena utilizzata per un paio di mesi e il cui armatore ha deciso di non prorogare il contratto col Governo), anche sulla Gnv Azzurra verrà effettuata una ispezione tecnica da parte della commissione di visita che e' presieduta dalla Capitaneria di porto. La commissione dovrà stabilirne l'idoneità come nave passeggeri con sistema di isolamento protetto per l'alloggiamento e la sorveglianza sanitaria dei migranti.

 

 



https://www.tp24.it/immagini_banner/1600803520-audi-set.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1599840395-amministrative-2020-consigliere.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1599668229-ct-23.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1600693129-amministrative-2020-consigliere.jpg