Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
Cultura

"Il linguaggio mafioso. Scritto, parlato, non detto"

Salemi 91018 Salemi
17/03/2018 - 17/03/2018

Sabato 17 marzo alle 17:00 presso la Biblioteca Comunale di Salemi si presenta il saggio «Il linguaggio mafioso. Scritto, parlato, non detto», di Giuseppe Paternostro.

In che modo un'associazione che ha fatto del silenzio, e di tutto cio? che apparentemente e? l’antitesi della comunicazione, il suo carattere distintivo ha dato luogo a un sistema di comunicazione riconoscibile come tale?
L’obiettivo e? quello di analizzare il linguaggio usato dalla mafia in maniera organica, cercando di offrire una prima panoramica dei capisaldi del suo apparato comunicativo. Pizzini, lettere di scrocco, intercettazioni, testimonianze e silenzi sono gli elementi che ne costituiscono l'impianto comunicativo, in costante oscillazione fra una comunicazione interna e una comunicazione esterna, due facce distinte ma complementari.

Informazioni sull'autore:
Giuseppe Paternostro e? ricercatore di linguistica italiana nell'Universita? di Palermo, dove insegna Analisi dei testi pubblici. I suoi interessi di ricerca vertono attorno alla sociolinguistica dell'Italia contemporanea e ai rapporti fra lingua, discorso e identita?. In quest'ambito ha studiato in particolare le modalita? di costruzione dei discorsi narrativi e argomentativi in diversi contesti (da quello quotidiano a quello politico) e in diverse varieta? (italiano e dialetto).
 

comments powered by Disqus