Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
20/09/2018 13:17:00

Casa di riposo di Marsala, adesso si muove Stefano Pellegrino

 Al capezzale della Casa di Riposo "Giovanni XXIII" di Marsala, nota come "I Cappuccini", adesso arriva anche il deputato regionale Stefano Pellegrino, che ha incontrato il Sindaco Di Girolamo e ha detto che ci pensa lui a risolvere la situazione.

Come, non si capisce bene: l'Ipab di Marsala è sul lastrico come altre 150 Ipab siciliane, dove negli anni sono stati fatti i peggiori sprechi di denaro pubblico, fornendo servizi scadenti, e ora lasciando in difficoltà le persone che lavorano in quelle strutture.

Ecco la nota stampa del Comune di Marsala, con tanto di foto di rito (forse con qualche sorriso di troppo, data la circostanza...).

Dopo l'incontro della scorsa settimana con l'assessore Maria Ippolito (Politiche sociali) e il suo staff, il sindaco di Marsala Alberto Di Girolamo è tornato ancora alla Regione Siciliana per affrontare la grave situazione della Casa Di Riposo “Giovanni XXIII”. Sulla questione, ieri, ha avuto un lungo colloquio con l'on. Stefano Pellegrino che - nella qualità di presidente della Commissione Affari Generali - ha assicurato il suo personale impegno e quello dell'intero Organo regionale per intraprendere un risolutivo percorso comune alle circa 150 IPAB regionali, qual è la Casa di Riposo di Marsala. “L'esposizione debitoria e il personale che ha decine di mensilità non pagate non possono aspettare oltre – afferma il sindaco Di Girolamo; ritengo che il grido d'allarme sia stato a lungo disatteso dai Governi regionali che si sono succeduti almeno da dieci anni ad oggi, manifestandosi ora in tutta la sua enormità. Un problema che non ha colore politico, che investe tutta la Sicilia e che non può essere più rinviato”. Da qui anche il possibile coinvolgimento di altri Assessorati regionali, tra i quali quello alla Salute, al fine di ricercare ulteriori contributi che possano condurre a soluzioni definitive per la Casa di Riposo “Giovanni XXIII”, che ha una passività di circa 3 milioni di euro. Sul punto, il sindaco Di Girolamo ritiene costruttivo anche l'incontro avuto con l'on. Angela Foti, promotrice di un Disegno di Legge avente per oggetto “Riordino e trasformazione delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza (IPAB)”.