06/08/2020 20:00:00

Favignana, il circolo del PD vuole dimissioni di tutti i consiglieri

L'analisi e le riflessioni su quanto accaduto alle Egadi con la vicenda giudiziaria che ha portato agli arresti dell'ex sindaco Giuseppe Pagoto nelle settimane scorse, sono state al centro dell’assemblea del circolo del Pd Isole Egadi alla presenza del Segretario provinciale Domenico Venuti e del Presidente dell’Assemblea provinciale Valentina Villabuona. Il direttivo locale del PD ritiene che le dimissioni da parte di tutti i consiglieri comunali siano un atto dovuto, per dare un segnale di discontinuità. 

"La politica portata avanti in questi giorni da maggioranza e minoranza Consiliari, si manifesta come se nulla fosse accaduto nel Comune delle Isole Egadi - si legge in un nota del circolo PD locale -.  Tutti siamo convinti che la giustizia farà il suo corso e per questo siamo fiduciosi nell’operato della magistratura e delle Forze dell’ordine, così come siamo convinti che la politica deve fare il suo corso e deve richiamare chi è stato eletto alle sue responsabilità".

"Dalle indagini emerge che l’operato politico dell’ex Sindaco Pagoto insieme ad ex amministratori e di altri funzionari Comunali è stato una costante violazione dei principi costituzionali di libertà, trasparenza, uguaglianza dei cittadini e del buon funzionamento della Pubblica Amministrazione. Buona parte dei Consiglieri Comunali erano e sono consapevoli di questo modo di operare, molti di loro figuravano nei colloqui maldestri di questo sistema inquinato che Pagoto ed altri sodali hanno messo su come se fosse un vero sistema. Il Consiglio Comunale, ora, non può girarsi dall’altra parte e far finta di niente - continuna la nota -, maggioranza e minoranza sono ugualmente corresponsabili del crollo Amministrativo, morale e d’immagine che sta subendo l’Arcipelago delle Egadi".

"Rassegnare le dimissioni da parte di tutti i Consiglieri Comunali è un atto dovuto e occorre che sia immediato per dare un segnale di discontinuità. La pretesa ostentata in questi giorni di voler continuare a tutti i costi è contraria ai veri interessi del Paese. Ci sono in ballo atti fondamentali per la gestione comunale, - concludono i responsabili del circolo - come il conto consuntivo 2019 ed il bilancio di previsione 2020, non possono essere approvati, altresì si chiede con immediatezza che il commissario appena si insedierà al comune metta mani su questi due strumenti, proprio per quel principio di discontinuità ad una politica che ha fatto emergere grandi criticit".



https://www.tp24.it/immagini_banner/1600803520-audi-set.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1600072035-amministrative-2020-consigliere.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1600331628-sposa-2021.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1600461340-amministrative-2020-consigliere.jpg