01/06/2020 15:06:00

Giovani, movida e folla: arrivano le prime multe 

 Arrivano le prime multe in Sicilia per i locali che non fanno nulla per evitare la folla di giovani accalcati durante il fine settimana senza nessun rispetto del distanziamento e senza dispositivi di protezione (anzi, a Marsala c'è chi se ne vanta pure sui social e posta foto e video ... ).

Quattro locali sono stati sanzionati e chiusi per 5 giorni a Palermo dopo i controlli da parte della polizia municipale nei giorni scorsi. È emerso che in tre locali a piazzetta della Canna, tra i quali il Malox, e uno in via La Lumia, il Berlin, non venivano rispettate le linee guida per il contenimento del contagio, troppi assembramenti e gente senza mascherine. I gestori hanno ricevuto una sanzione di 400 euro ciascuno.

Davanti ai locali infatti si sono registrati assembramenti con gli avventori che consumavano bevande senza rispettare la distanza interpersonale o sostavano senza alcun dispositivo di protezione. Durante i controlli si sono registrati momenti di tensione e gli agenti hanno dovuto chiedere l’intervento di altre pattuglie per completare le operazioni di sequestro.

In via La Lumia il gestore, che si è opposto all’apposizione dei sigilli rivolgendosi in maniera offensiva nei confronti degli stessi agenti e facendo ritardare di oltre due ore le operazioni di sequestro, è stato segnalato all’autorità giudiziaria per oltraggio e minacce a pubblico ufficiale e per interruzione di pubblico servizio.

Sull'operazione dei vigili urbani è intervenuto il sindaco Leoluca Orlando che ha espresso "solidarietà agli agenti impegnati per la tutela della salute e della sicurezza" e il vicesindaco Fabio Giambrone, che ha ricordato come "i buoni risultati raggiunti a Palermo e in Sicilia con il contenimento del virus, che qui ha causato molte meno vittime che altrove, non vanno vanificati con e da comportamenti irresponsabili oltreché illegali".

I gestori del pub Malox su Facebook hanno scritto: "Potremmo piagnucolare, fare gli incazzati, contestare, ma non lo faremo. Ci atteniamo a delle (non) regole. Preferiamo concentrarci su come migliorare la creatura Malox, come far stare a proprio agio clienti e dipendenti. Però una cosa la vogliamo sottolineare: l'impegno dei nostri ragazzi, dei nostri barman, dei nostri back. La fatica è tripla, il Malox piaceva sino ad oggi perché ci dicevano 'da voi ci sentiamo in sicurezza e tutelati', e il merito è soprattutto loro e di chi ha investito per ciò. Ci rivedremo giovedì sera più belli di prima, più forti e con una voglia matta di riabbracciarvi (seppur a 1 metro di distanza). A voi davvero non abbiamo nulla da rimproverarvi, siete stati fantastici. Grazie".