24/08/2019 08:50:00

Mafia, Paolo Ruggirello cambia carcere. L'ex deputato trasferito in Campania

 Detenzione sempre più dura per Paolo Ruggirello. L'ex deputato regionale è stato trasferito alle carceri di Santa Maria Capua Vetere.

Ha così lasciato il Pagliarelli di Palermo dove era stato rinchiuso subito dopo l'operazione antimafia denominata Scrigno. Assistito dagli avvocati Vito Galluffo ed Enrico Sanseverino, rispettivamente del Foro di Trapani e Palermo, Ruggirello resta in carcere nonostante la derubricazione del reato a lui contestato, ora deve rispondere di concorso esterno in associazione mafiosa. Dai primi di agosto l'esponente politico è stato trasferito in Campania. L'operazione Scrigno della Dda di Palermo culminò nell'arresto di 25 persone tra le quali i fratelli Virga, figli dell'ex boss di Trapani Vincenzo condannato alla pena dell'ergastolo.

Ma il nome di spicco è quello di Paolo Ruggirello per il quale prima il Riesame poi la Cassazione hanno rigettato l'istanza di scarcerazione. Il Riesame, invece, aveva annullato il carcere per l'imprenditore Ninni D'Aguanno, accusato di voto di scambio, finito agli arresti domiciliari con l'obbligo di indossare il braccialetto elettronico. In libertà era ritornata anche Ivana Inferrera, moglie dell'imprenditore, anche lei coinvolta nell'operazione antimafia è già assessore del Comune di Trapani.