25/01/2020 10:03:00

Mafia e politica. Il Comune di Erice non si costituisce parte civile nel processo Scrigno

 Tra i Comuni che si sono costituiti come parte civile nel processo Scrigno manca ancora il Comune di Erice. Una vicenda singolare, dato che Trapani, Valderice, Paceco, già hanno formalizzato la costituzione, approvata ieri durante l'udienza preliminare di Palermo (qui il nostro articolo)

La Sindaca di Erice, Daniela Toscano, intervenuta ieri al Volatore di Rmc 101, aveva rassicurato che il Comune si sarebbe costituito, però dell'atto non c'è traccia. E pensare che molte vicende emerse dalle indagini riguardano proprio il territorio del Comune di Erice, e che ci sono due consiglieri comunali coinvolti in ipotesi di voto di scambio: Alessandro Manuguerra, indagato con il padre Luigi, e Simona Mannina, che non è indagata, per la quale si sarebbe attivato a cercare voti il padre Vito, indagato. Comunque, fino alla prima udienza davanti al tribunale c'è tempo, anche se per il ritardo ci potrebbero essere opposizioni e perplessità da parte dei magistrati. 

Va anche precisato che il gup ha ristretto la legittimazione delle costituzioni di parte civile dei comuni di Trapani Valderice Paceco e Favignana solo contro gli imputati di 416 bis, cioè dell'associazione mafiosa.