03/07/2020 12:51:00

Mazara, evade dai domiciliari e ruba in un appartamento assieme alla compagna. Due arresti

Evade dagli arresti domiciliari e assieme alla compagna commette un furto in un'abitazione, dove, hanno rubato una borsa contenente gioielli, denaro contante, orologi e documenti.

E' stato arrestato dai carabinieri di Mazara, il 46enne Gian Battista Lungaro, che doveva essere a casa in regime di arresti domiciliari. Assieme all'uomo, fermata anche Stefania Pace, mazarese di 39 anni, già conosciuta alle forze dell'ordine per altri reati. Entrambi dopo le formalità di rito, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari. Ecco i dettagli nel comunicato dei militari: 


"Nella giornata di ieri, 2 luglio 2020, i Carabinieri della Stazione di Mazara del Vallo e della Sezione Radiomobile, nel corso di un controllo del territorio, hanno tratto in arresto LUNGARO Gian Battista, residente in Mazara del Vallo, cl.74, e PACE Stefania, mazarese, cl.91, entrambi già gravati da precedenti penali.
Nello specifico, durante il controllo dei soggetti sottoposti a misura cautelare, i militari operanti hanno costatato che Lungaro non si trovava presso la propria abitazione, nonostante fosse in atto sottoposto agli arresti domiciliari, in palese violazione delle prescrizioni impartite. Nel corso delle ricerche del soggetto, lo stesso è stato sorpreso in compagnia di Pace Stefania mentre faceva rientro a casa. Nella circostanza la donna, avendo con se due borse, destava i sospetti dei Carabinieri che decidevano di eseguire delle ispezioni.
Dal contenuto di una delle due borse e dai successivi accertamenti svolti immediatamente dai militari, è emerso che il Lungaro era evaso dagli arresti domiciliari per recarsi con Pace Stefania ha compiere un furto in abitazione e che nella borsa vi era ancora contenuta tutta la refurtiva asportata, ovvero contante, documenti, gioielli e orologi della vittima.
Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati entrambi sottoposti agli arresti domiciliari, su disposizione della competente Autorità Giudiziaria, in attesa del rito per direttissima che si terrà nella giornata di oggi.
L’attenta attività di controllo, posta in essere giornalmente dai militari dell’Arma al fine di vigilare sulla corretta osservanza dei provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria, ha permesso di scoprire, in tempi brevissimi, gli autori di un furto e di restituire tutta la refurtiva alla vittima".



https://www.tp24.it/immagini_banner/1596438660-audi-incentivi-ecobonus.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1596438976-saldi-estivi-50.gif