23/02/2020 06:00:00

Petrosino: il malore in consiglio e la polemica tra il sindaco e Marcella Pellegrino

Il consiglio comunale di Petrosino, sospeso a causa di un malore di un consigliere, provocato da un’accesa discussione con un altro consigliere e un assessore, è stato al centro del botta e risposta e della polemica tra il primo cittadino Gaspare Giacalone e l’ex vicesindaco Marcella Pellegrino. La consigliera Pellegrino sul suo profilo facebook ha pubblicato un post scrivendo: “Un consiglio comunale lampo mai visto. Rimandato a data da destinarsi”.

A commento del post la Pellegrino poi chiarisce che il consiglio è stato sospeso perché ci sono stati momenti di tensione e agitazione.  Dal canto suo il sindaco in una intervista su Rmc101 e Tp24 smentisce quanto sostenuto dalla Pellegrino così: “Non c’è stato nessun consiglio comunale agitato perché il consiglio non c’è stato proprio. C’è stato un consigliere comunale che ha avuto un malore. Abbiamo ritenuto giustissimo rinviare e dare la possibilità al consigliere comunale in questione di potersi esprimere quando si sarà rimesso e quando sarà riconvocato di nuovo il consiglio comunale”.

Alla smentita del sindaco replica però la stessa consigliera Pellegrino, alla quale abbiamo chiesto come siano andati i fatti: “Basta vedere la deliberazione del consiglio comunale del 19 febbraio, dove risultano 10 consiglieri presenti e due assenti. C’era dunque il numero legale e c’è stata la nomina di tre scrutatori. La seduta era iniziata. Mentre inizia a leggere un dirigente, il consigliere esce dall’aula perché sta male. Poco prima dell’inizio del consiglio ha chiesto un chiarimento sul perché il palco del carnevale fosse stato piazzato al centro di via Baglio, chiudendo la strada e bloccandola sia agli abitanti che alle attività commerciali. Subito dopo questa richiesta il consigliere è stato attaccato da un altro consigliere comunale e da un assessore”.

Marcella Pellegrino, la seduta del consiglio comunale è stata interrotta in seguito ad un malore di un consigliere perché c’era una diatriba accesa?

Sì, all’inizio, tant’è che il presidente del consiglio si è alzato e ha detto, adesso basta iniziamo la seduta.

E per quel che riguarda proprio la vicenda del palco, che ha scatenato l’accesa discussione in aula e il malore del consigliere comunale, il sindaco Giacalone con un post su facebook spiega i motivi che hanno portato a prendere la decisione per la collocazione del palco che reca disagi sia ai cittadini e i commercianti: “Guardate che meraviglia. Davvero spettacolare l’illuminazione per il nostro Carnevale. Colgo l’occasione per scusarci con i residenti, le attività commerciali e le loro rispettive clientele di Viale Baglio. Ci rendiamo conto che la chiusura della strada potrà causare qualche inconveniente. Ma si tratta davvero di una situazione temporanea e straordinaria. I nostri tecnici hanno valutato diverse opzioni per la collocazione del palco. Per ragioni di sicurezza, di concerto con la Questura, è stato inevitabile disporre il palco in un’area centrale alla manifestazione e che potesse ospitare quante più persone possibile. Altre soluzioni, attorno al Municipio, purtroppo davano una visibilità ostruita dagli alberi o altri ostacoli per l’incolumità del pubblico. In ogni caso è abbastanza chiaro che l’accesso al Viale Baglio è consentito a tutti, non c’è una casa o un’attività commerciale che non possa essere raggiunta. Si tratterà solo di fare qualche deviazione in più rispetto al percorso abituale. E comunque lunedì mattina il palco sarà smontato e ricollocato all’ingresso del Viale Giacomo Licari, lasciando nuovamente libero il transito nel Viale Baglio. Quindi un poco di comprensione e pazienza per appena 3 giorni. Nel frattempo sappiate che è vietato il transito dei veicoli sul marciapiede. Stiamo ospitando un grande evento e i cittadini di Petrosino sanno essere grandi!