Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
08/02/2018 20:20:00

In Prefettura un tavolo tecnico per prevenire la dipendenza da gioco d'azzardo

 Un ciclo di giornate formative rivolte agli operatori del settore (Comuni, Scuole, Forze di Polizia), nonché mirati interventi in alcuni istituti scolastici del territorio provinciale che hanno fatto richiesta in tal senso nei Comuni di Petrosino, Calatafimi-Segesta, Castelvetrano e presso il centro aggregativo “Casa Macondo” sito nell’isola di Favignana.


Questo l’esito del “Tavolo Tecnico Inter-Istituzionale” tenutosi nei giorni scorsi e di cui continua la consueta attività, avviata dalla Prefettura di Trapani sin dal 2013, al fine di non abbassare il livello di guardia di fronte a tutte le forme di dipendenza ed in particolare dal gioco d’azzardo.
Erano presenti i responsabili dei SERD ASP 9 della provincia di Trapani, i referenti provinciali del Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca, della Guardia di Finanza ed il coordinatore regionale della campagna nazionale “Mettiamoci in gioco”.
L’attivazione di questa rete istituzionale, che negli ani ha individuato percorsi condivisi tra le istituzioni coinvolte, ha contribuito alla promozione del benessere finalizzato alla prevenzione del disagio giovanile, delle dipendenze da sostanze stupefacenti e dal gioco d’azzardo patologico (G.A.P.).
Con particolare riguardo alla dipendenza da sostanze stupefacenti, il Tavolo Tecnico ha, inoltre, ritenuto necessario promuovere, in tutti gli eventi programmati, una corretta informazione, non solo sui danni psicofisici conseguenti all’uso di droga ma anche sul correlato avvio di un procedimento sanzionatorio, di natura penale e amministrativa, nei confronti dei responsabili delle violazioni.


Ti potrebbe interessare anche: