07/05/2021 07:00:00

Scrive Alessandro, ancora sui disservizi all'ospedale di Trapani

 Gentile redazione, mi ritrovo a scrivere sui disservizi del reparto di medicina dell'ospedale di Trapani, almeno per quanto riguarda la richiesta di notizie sullo stato di salute dei pazienti da parte dei familiari.

Come scrivevo nella precedente segnalazione, il primario del reparto si è improvvisamente dimesso, a quanto pare come segno di protesta contro l'insostenibile situazione del reparto, gravato da un numero elevato di pazienti e da una seria carenza di personale, come personalmente più volte sentito dire da medici e infermieri, in questi giorni. Fatto sta che numerosi familiari, tra cui il sottoscritto, si ritrovano giornalmente a tempestare di telefonate il reparto, senza mai avere risposta.

Che si fa in questi casi? Ci si reca in ospedale, nell'estremo tentativo di riuscire a parlare con un medico. Come ieri pomeriggio, quando in cinque sei familiari abbiamo chiesto di poter parlare con un medico. Cosa che ovviamente non è avvenuta. "Dovete telefonare dalle 13:00 alle 14:00", la solita risposta da parte degli infermieri, "così come scritto sull'avviso attaccato alla porta del reparto". Peccato che l'avviso non esiste più, qualcuno di buon senso lo ha tolto, visto che c'era scritto di chiamare il numero del primario (0923809300). Che non esiste più nemmeno lui.

Per tutta questa situazione deve esistere un responsabile, un colpevole. Che non saranno sicuramente medici e infermieri del reparto, ma qualcuno più "su"!!

La Direzione dell'ospedale, i vertici dell'ASP, i politici regionali!! Tutti quanti insieme!!

A chi possiamo rivolgerci? A chi indirizzare reclami? Chi denunciare per questo schifo di situazione??

Alessandro



Finanza Agevolata | 2021-06-14 10:37:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Bando INAIL 2020. Lo sportello è aperto!

Il bando INAIL 2020 per il 2021 consente alle aziende di ottenere un contributo a fondo perduto del 65% fino a 130.000 euro (oltre l’iva) per investimenti aziendali quali presse, centri di lavoro, robot, muletti, che contribuiscano a...