Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
16/10/2018 18:01:00

Scrive Domenico, sull'aeroporto di Birgi e l'addizionale sui diritti di imbarco

 Buonasera, desidero integrare la lettera sull'aeroporto di Birgi.

La cosiddetta «addizionale comunale sui diritti d'imbarco», semplificata in tassa di imbarco, è stata istituita con la finanziaria 2004: 2,5 euro pagati dal passeggero e trasferiti al Ministero dell'Interno; queste somme raccolte, nella volontà del legislatore, dovevano essere girate alle amministrazioni locali che mettono a disposizione una parte del loro territorio come sedime aeroportuale.

I comuni, tuttavia, in quegli anni, hanno dovuto registrare ampi ritardi nei trasferimenti delle somme pro quota. Nel tempo, l'importo della "tassa" è cresciuto (fino ad arrivare a 9 euro), ma diversi governi nazionali hanno contribuito all'incremento.

Tuttavia, in questo caso, non per "dare ossigeno" alle casse degli enti locali, ma per finanziare, successivamente, il 'Fondo speciale per i lavoratori del trasporto aereo', meglio conosciuto come fondo anti crisi Alitalia e Meridiana.

L'ultimo aumento da 6,5 a 9 euro è stato, alla fine, cancellato. Per questa ragione, i versamenti dai gestori vengono girati all'Inps.

Grazie per l'attenzione,

Domenico