14/10/2019 20:45:00

Scrive Elena, su Marsala allo sbando e il buonsenso

 Egregio Direttore, vorrei poter rispondere all'esternazione del Sig. Massimo Jevolella pubblicata su Tp24 "A Marsala in bici, così si rischia la vita".

Egregio Signor Jevolella, mi è di consolazione (si fa per dire..) leggere di un cittadino di origini marsalesi che lamenta pubblicamente le abissali lacune di questa stupenda città, lasciata allo sbando a causa della totale assenza dell'osservanza delle regole, delle Leggi e del buonsenso, soprattutto da parte dell'Amministrazione ma anche da parte dei cittadini.

Ci siamo trasferiti al sud per motivi di salute e se abbiamo scelto Marsala (senza avere origini siciliane) è perchè ci è piaciuta e amiamo la Sicilia.

E' inutile che i nostri concittadini facciano gli offesi quando gli si fa notare che c'è un abissale arretratezza in tutto. Io impazzisco quando mi sento dire "ma noi siamo così" NO! volete rimanere così perchè è più comodo lamentarsi sempre e tirare a campare. Un minimo di dignità perbacco, anche perchè ci vorrebbe solo un po di buona volontà per rendere questa stupenda città un fiore all'occhiello e incrementare così anche il turismo e non sentir sempre dire "vista una volta qui non ci torno più, troppo sporca, troppo caos e indisciplina, mancanza di organizzazione ecc. ecc.".

Io me ne vergogno perchè sono a tutti gli effetti cittadina marsalese.

Signor Jevolella continui a scrivere e a lamentare incongruenze e mi troverà sempre d'accordo. Chissà che prima o poi qualche Miracolo avvenga.

Cordiali saluti

Elena