Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
22/01/2018 12:04:00

Sistema Saguto, al via oggi il processo alla "papessa" dei beni sequestrati

 Prende il via oggi a Caltanissetta il processo che ha come imputata principale il magistrato Silvana Saguto, al centro di uno scandalo che l'ha vista fare il bello e il cattivo tempo sulla gestione di beni e aziende sotto sequestro a Palermo.

Sul banco degli imputati altre 17 persone. Sono quasi trecento i testimoni citati dalla giudice imputata, soprattutto colleghi magistrati. L’inchiesta avrebbe confermato l’impianto dell’accusa che attribuisce all’ex presidente Saguto una gestione 'disinvolta' dei patrimoni di Cosa nostra fatta di assegnazioni di incarichi a un ristretto gruppo di fedelissimi.

Sono un'ottantina le ipotesi di reato contestate: vanno dalla corruzione al falso, dall'abuso d'ufficio alla truffa aggravata.

SCARPINATO.  - Alla notizia di un progetto di attentato della mafia ai danni del giudice Silvana Saguto "non attribuii credibilità". Lo ha detto il procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato, sentito come testimone al processo disciplinare a carico dell'ex presidente della Sezione delle misure di prevenzione del tribunale di Palermo, sospesa dalle funzioni e dallo stipendio dal Csm e accusata di una gestione disinvolta dei beni confiscati alla mafia nel giudizio penale che si apre oggi.

"Nel 2014 ricevetti una nota dei carabinieri in cui si parlava di una segnalazione dei servizi segreti, che asserivano di aver appreso di un incontro tra la fine del 2011 e gli inizi del 2012 tra esponenti della mafia di Palermo e Caltanissetta", ha raccontato Scarpinato. Oggetto del confronto "mettere in cantiere un attentato ai danni del procuratore Di Natale e del giudice Saguto". Scarpinato informò il Comitato provinciale per la sicurezza, pur avendo dubbi sull'attendibilità della notizia.

Non rifece la stessa trafila invece quando nel maggio del 2015 la notizia venne ripresa da diversi quotidiani. Un'operazione dietro alla quale - secondo l'accusa della procura generale della Cassazione- c'era la stessa Saguto che intendeva così "contrastare l'eco negativa di articoli di stampa e servizi televisivi sul suo conto"

 


Ti potrebbe interessare anche: