Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
21/11/2019 07:18:00

La strage della fabbrica dei fuochi d'artificio in Sicilia: cinque morti, due feriti

 Un boato sentito a chilometri di distanza. E' di cinque morti e due feriti il bilancio della strage della fabbrica dei fuochi d'artificio a Barcellona Pozzo di Gotto, vicino Messina. All'alba di oggi i vigili del fuoco sono ancora al lavoro per bonificare l'area, piena di polvere da sparo. Tutto sarebbe nato da una scintilla partita dai mezzi utilizzati da alcuni operai esterni all'azienda, che stavano lavorando a degli infissi. Il paradosso, beffardo, è che i lavori che si stavano eseguendo erano stati prescritti alla ditta per la messa in sicurezza dell'impianto. 

Un bilancio pesantissimo quello della deflagrazione della fabbrica "Costa" in contrada Femminamorta.

Una delle vittime accertate è Venera Mazzeo, 71 anni, moglie del titolare dell'azienda, Vito Costa. Un disperso nell'esplosione è stato individuato dai vigili del fuoco ed estratto vivo dalle macerie dopo circa un'ora dal momento della deflagrazione. L'uomo è stato trasferito in ospedale. Al momento dell’esplosione quattro operai di una ditta d’infissi stavano montando delle porte in ferro: tre di loro sono morti insieme alla moglie di Costa. Nell’ospedale di Milazzo sono stati ricoverati con ustioni e in gravi condizioni, Bartolomeo Costa, 37 anni, figlio del proprietario della fabbrica e della vittima e Antonio Bagnato, anche lui lavora nella ditta.

L'esplosione - così forte da essere stata sentita nei Comuni di Barcellona, Merì, Milazzo e Terme Vigliatore, creando il panico - si è verificata nel deposito delle polveri da sparo ma l'onda d'urto avrebbe raggiunto anche i laboratori di confezionamento dei fuochi d'artificio.

I feriti sono stati trasportati per un primo intervento all'ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto, con mezzi di fortuna. 

La famiglia Costa produce fuochi d'artificio di prima, seconda e terza categoria e organizza anche spettacoli pirotecnici per privati o enti pubblici. La fabbrica ha un punto vendita in via salita 1 del Carmine a Barcellona Pdg.

La produzione avveniva in un vecchio casolare in contrada Cavalieri-Femmina morta.  Nel corso degli anni ha acquisito molto esperienza e molta creatività, catturando il pubblico con esibizioni di fuochi pirotecnici di vario genere notturni, diurni, acquatici seguito poi da quelli piromusicali, per privati o enti pubblici. Insomma, una società leader anche internazionale nel settore, ottenendo ottimi risultati anche in competizioni internazionali.