Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
20/10/2019 16:00:00

Trapani, la Commissione Tributaria Provinciale annulla un accertamento ICI del 2011

Accolto dalla Commissione Tributaria Provinciale di Trapani il ricorso di una contribuente residente nella frazione di Rilievo, la quale dal 2006, prima con il programma di fabbricazione e dopo con il Piano Regolatore Generale, attende da parte del Comune il rilascio della concessione edilizia su un terreno potenzialmente edificabile ma di fatto sempre utilizzato come terreno agricolo.

I giudici della prima sezione della CTP di Trapani, richiamando un orientamento ormai consolidato da parte della giurisprudenza, hanno confermato quanto sostenuto dal legale della ricorrente secondo cui “i ritardi e le difficoltà ad ottenere la concessione edilizia incidono in misura determinante sull’edificabilità effettiva del terreno perché limitante l’attitudine ad essere sfruttato e concretamente destinato alle finalità potenzialmente assegnate all’atto dell’approvazione del P.R.G”.

La vicenda nasce da un avviso di accertamento emesso nel 2016 dal Comune di Trapani con il quale l’Amministrazione chiedeva alla contribuente il pagamento di circa € 3000,00 a titolo di maggiorazione I.C.I., e relative sanzioni e accessori, per un terreno potenzialmente edificabile in quanto ricadente in zona omogenea C/2 secondo quanto prevedeva il P.R.G. Assistita dall’Avv. Filippo Spanò, che è anche componente della delegazione comunale dell'Associazione di Consumatori CODICI, la ricorrente è riuscita ad ottenere l’annullamento del detto avviso.

Ai fini della determinazione della base imponibile dell’ICI o dell’IMU - riferisce l’Avv. Spanò - l’Amministrazione comunale dovrà d'ora in poi tener conto dell’edificabilità di fatto e non di quella potenziale, come statuito in detta sentenza”. “Tale provvedimento costituisce un importante precedente per il territorio del Comune di Trapani - prosegue il legale - e potrebbe applicarsi a tutti quei casi in cui le aree edificabili ricadono in zone prive di opere di urbanizzazione - come la rete fognaria comunale, si pensi alle frazioni come Guarrato e Rilievo, ormai prossime a dar vita al costituendo Comune di Misiliscemi”